24 settembre 2017

Addio Andrea!

Una patologia difficile da individuare con accertamenti clinici che sembra escludere una responsabilità diretta dei medici. E di analisi Andrea ne aveva fatte da quando si era sentito male la prima volta il 28 ottobre scorso. Allora si trovava in auto con il padre Maurizio quando perse improvvisamente i sensi. Dopo la corsa in ospedale, il ricovero e una lunga serie di accertamenti al Bambino Gesù, dove non era emerso nulla di anomalo, nonostante ricerche di ogni tipo. Quindi, pian piano, il recupero e il progressivo ritorno del capitano nella squadra degli allievi provinciali del Fregene. Perché il sogno di Andrea era uno solo: diventare un calciatore famoso. Quando tutto sembrava andare per il meglio, venerdì scorso la tragedia: Andrea, dopo un leggero allenamento nel pomeriggio – ma aveva già giocato la domenica prima in campionato una decina di minuti – torna nella sua casa di Fregene dove vive con i genitori e tre sorelle. Va in camera sua e si mette a giocare con la playstation. Il padre e la madre escono per una ventina di minuti, lo chiamano al telefono e lui risponde dicendo che va tutto bene. Ma al ritorno, alle 19.00, lo trovano accasciato sul letto, privo di conoscenza. Inizia l’incubo, la corsa al posto di primo soccorso di Fregene, poi all’Aurelia Hospital dove lo ricoverano in terapia intensiva. È ormai notte fonda quando arriva la terribile notizia: il cuore di Andrea non ce l’ha fatta. <<Il mio piccolo angelo sognava di fare il calciatore, mi diceva che sarebbe arrivato in serie A – spiega in lacrime il padre Maurizio Porcelli, ispettore capo al commissariato di polizia di Fiumicino – ci hanno spiegato che con quella malformazione congenita poteva morire in qualsiasi momento, anche in tenera età. Il 31 dicembre avrebbe compiuto 15 anni, pochi per morire. Ma Andrea per noi è stato un grande dono, cerco di pensare solo a questo, alla gioia chi ci ha dato e al fatto che almeno è morto facendo le cose che amava di più: giocare a calcio e con la sua playstation>>. Nella casa ieri era tutta una processione di amici, di compagni di classe e di squadra,  commossi per la tragica scomparsa. Fuori, su uno stenditoio del giardino ad asciugare c’era ancora la tuta rossa del Fregene, sopra un tavolo gli scarpini bianchi. Un “angelo con gli scarpini bianchi”, commentava qualcuno. Oggi con i funerali l’ultimo saluto ad Andrea, <<l’ultimo viaggio insieme>>, come lo definisce il padre. <<Non ci rendiamo ancora conto di quello che è successo – commenta Nicola, suo compagno della II B del Paolo Baffi di Maccarese. La classe ha deciso di portare sulla bara in chiesa un pallone firmato da tutti i compagni e una fascia, quella che portava al braccio il nostro capitano>>.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli