26 settembre 2017

Aeroporto, parte procedura VIA per quarta pista

FuoriPISTA: su aeroporto ascoltare territorio

Nuovo Aeroporto “Fiumicino Nord”: parte la procedura per la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA). Un gravissimo atto di irresponsabilità da parte dell’ENAC, secondo il Comitato FuoriPISTA.
“Nel bel mezzo della crisi Alitalia, – scrive il Comitato – che alla perdita di posti di lavoro rischia di aggiungere la trasformazione del più grande aeroporto del Paese in un mega aeroporto low cost e subito dopo la pubblicazione dei dati sul traffico aereo 2016 che dimostrano che dal 2008 il Leonardo da Vinci, senza l’apporto dei low cost,  è inchiodato sui 30 milioni di passeggeri/anno, l’Ente Nazionale Aviazione Civile (ENAC) ha depositato giovedì scorso, 30 marzo, presso il Ministero dell’Ambiente la documentazione con la quale si dà il via alla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale .
A differenza di altre volte, quando simili eventi sono stati accompagnati da roboanti conferenze stampa, annunci e valanghe di slides e articoloni della stampa amica, questa volta il tutto è avvenuto alla chetichella. Giusto l’avviso di legge a corpo 6. su qualche quotidiao del 31 marzo.
In estrema sintesi si tratta della procedura di VIA per la realizzazione a Nord al di fuori dell’attuale sedime della Quarta Pista con accanto la sua brava pista di rullaggio, una nuova Aerostazione, nuovi svincoli autostradali e quant’altro, con conseguente distruzione di una parte significativa della Riserva.
In pratica, siamo alla prima fase del Raddoppio, il Masterplan al 2030 di Fiumicino Nord: nessun cambiamento rispetto a quanto stabilito dalla Convenzione-Contratto di Programma Enac-AdR approvata dal governo di Mario Monti nel dicembre 2012.
E ciò a dispetto delle reiterate denunce che hanno svelato i vari stratagemmi  a cui sono ricorsi per approvare un’opera la cui inutilità è stata palese fin dall’inizio ma che gli anni successivi  si sono incaricati di sconfessare, dando il tempo di capire meglio la sua natura prettamente speculativa  sotto il profilo finanziario, fondiario e edilizio.
Non si fermano di fronte all’evidenza di stime di crescita del traffico aereo evidentemente gonfiate e che da un lato i dati degli ultimi anni, ma dall’altro anche il Piano Nazionale degli Aeroporti del 2014 hanno drasticamente ridimensionato.
Non si fermano davanti ai giochini di trasferire tutti i voli low cost attuali e futuri a Fiumicino per compensare la mancata crescita di passeggeri, anche se ciò significa dequalificare il maggiore aeroporto del Paese.
Non si vogliono fermare quando viene dimostrato in modo scientificamente e tecnicamente ineccepibile che non servono ulteriori piste per smaltire i volumi di traffico che le loro fantasmagoriche stime dichiarano. Il Progetto Alternativo elaborato dagli esperti che hanno collaborato con il Comitato FuoriPISTA  non si è limitato a dimostrare l’inutilità della quarta Pista, per la quale ora viene chiesta la VIA, ma ha anche offerto un’alternativa reale basata sull’utilizzo di differenti procedure di atterraggio/decollo in uso presso altri aeroporti internazionali.
Non si vogliono fermare di fonte alla dimostrazione tecnica che quella quarta Pista, localizzata nel modo in cui intendono costruirla, aumenterà di ben poco le capacità dell’Aeroporto ma in compenso avrà un impatto devastante sul territorio e sulla sua economia agricola, sulla integrità del suo paesaggio, sulla ricchezza delle sue risorse archeologiche, e conseguente esproprio delle abitazioni.
Non si vogliono fermare neppure quando si dimostra loro che la nuova aerostazione a Nord non è necessaria e che la riorganizzazione delle infrastrutture landside all’interno dell’attuale sedime con l’utilizzo di tutti gli spazi vuoti (ben 160 ettari, quanto l’aeroporto di Ciampino) possono sopperire a tutte le necessita, anche a quelle delle loro fantasiose stime sui passeggeri del futuro.
Non si vogliono fermare di fronte ai vincoli esistenti che tutelano il territorio, quel poco di Agro Romano che ancora si è salvato dalla ingordigia dei costruttori romani e non solo, primo fra tutti quello della Riserva Naturale Statale del Litorale Romano con la sua Zona 1, di massima salvaguardia, che insensatamente dovrebbe ospitare la quarta pista e uno svincolo autostradale che dovrebbe perdersi tra i campi di Maccarese intorno al Fianello compiendo una enorme curva: il che consentirà di espropriare altri terreni della Maccarese SpA che altrimenti non sarebbero toccati dalle nuove opere.
Non si vogliono fermare di fronte alla Relazione del Ministero dell’Ambiente che nel ricorso presentato presso la Presidenza della Repubblica proprio dall’ENAC, ha definito le infrastrutture aeroportuali previste “incompatibili” con la Riserva e con la Zona 1.
Non si vogliono fermare davanti al No dei cittadini che vivono sul territorio, dell’Amministrazione Comunale di Fiumicino che lo ha espresso in tutte le sedi possibili, al No della Regione Lazio e dei tanti rappresentanti politici, associazioni, personaggi e cittadini comuni.
E naturalmente non si fermano per quei ‘cinque cascinali da espropriare’ come si esprimeva l’AD di AdR dimostrando così di non sapere ciò di cui stava parlando.
E invece – conclude il Comitato FuoriPISTA – saranno proprio gli abitanti e i cittadini di Fiumicino e di Roma, le forze politiche e le amministrazioni locali, regionali e nazionali, le Associazioni grandi e piccole che, per una volta, riusciranno a fermare una delle tante Grandi Opere, l’ennesima inutile e dannosa di cui questo Paese non ha bisogno.
Per una volta – siamo convinti –  il buon senso avrà la meglio sulla ingordigia, la speculazione, l’interesse dei pochi contro quello di tutti gli altri”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli