22 settembre 2017

Alitalia, Califano: “continua la telenovela”

Mi chiedo come sia possibile chiamare "miracolo" l’ipotesi che per salvare la nostra compagnia di bandiera ci sia bisogno di ben 16 imprenditori. Il miracolo e’ che sono Italiani? ma mi chiedo questi Signori che comunque conoscono bene il loro mestiere nelle loro attività, capiranno e si sapranno calare durante le discussioni in cda, cosa vuol dire gestire una compagnia aerea? o ci troveremo ad avere che i nuovi "padroni" dell’Alitalia sapranno far quadrare solo i conti a discapito della qualità del servizio,  della sicurezza  e del personale che ha sempre contraddistinto la nostra compagnia di bandiera? La beffa più grande ora che dopo averla fatta scappare , ora si rincorre Air France che con il suo intervento comunque verrebbe in soccorso dei magnifici sedici mettendoli di fatto a riparo da eventuali rischi è chiaro a tutti  che oggi le condizioni sono ben peggiori di quell’accordo con Air France buttato a mare: sono peggiori per numero di esuberi, per risorse messe a disposizione e per il ricorso ad una bad company"  nella quale far confluire debiti ed esuberi e che – con procedure altrettanto ad hoc – rischia di violare le norme antitrust creando un pericoloso precedente” che pagherebbero solo gli italianiUn’altra cosa che mi lascia perplessa e mi fa sorridere è stato leggere che si pensa di ricollocare il personale in alcune aziende pubbliche; ma i signori cervelloni  si sono chiesti che tipo di personale addestrato e’ quello aeroportuale e che tipo di paga hanno? come si fa a chiedere ad un operatore dell’aeroporto che porta a casa uno stipendio commisurato al suo mestiere (che non conosce natale, pasqua, domeniche e si fanno i turni) da oggi lavori dal lunedì al venerdì, turno fisso (che può sembrare pure bello) però prendi solo 900,00 euro al mese! come manterranno gli impegni presi come pagare il mutuo o altro? e poi che dice l ministro Brunetta che  predica sempre che vuole alleggerire la macchina amministrativa italiana?” (Michela Califano, consigliere comunale PD)

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli