21 ottobre 2017

Angolo dei bambini alla Fiumicino Tributi

Angolo dei bambini alla Fiumicino Tributi

“All’interno dei nostri uffici abbiamo realizzato l’Angolo dei bambini, una delle novità che rientra nella Nuova Carta dei Servizi che abbiamo predisposto”. Lo annuncia l’Amministratore Unico della Fiumicino Tributi, Antonio Quadrini. “Si tratta –prosegue Quadrini – di un piccolo spazio dove i bambini che accompagnano i genitori presso la nostra struttura, possono liberare la propria fantasia e capacità di dialogare, comunicare e agire attraverso il gioco e lo svago. È un angolo pensato prima di  tutto nell’interesse dei bambini ma anche come supporto ai genitori,  a dimostrazione della sensibilità che ci caratterizza come erogatori di servizi pubblici. Ritengo che dare la possibilità di usufruire dei servizi pubblici in locali accoglienti, ben tenuti e accessibili a tutti, bambini compresi, sia un dovere. Non solo, ai piccoli rimarrà  comunque impressa la sensazione positiva ricevuta entrando nei nostri uffici. 
Nella stessa ottica siamo orgogliosi di aver inserito nell’antibagno un fasciatoio per i neonati. Questo è il modo in cui pensiamo si possano raccogliere le sollecitazioni del Sindaco alla cura e nell’attenzione verso tutti i cittadini, dai più piccoli ai più grandi.
In questi giorni –prosegue Quadrini –  una volta definito il confronto con l’Amministrazione, la Carta dei Servizi sarà messa a disposizione degli utenti tramite la pubblicazione sul sito www.fiumicinotributi.it. La Carta dei Servizi è uno strumento fondamentale che  definisce i diritti di tutti i cittadini nel rapporto molto delicato con coloro che, come noi, si occupano di gestire i servizi tributari. Il cittadino contribuente deve avere riconosciuti fino in fondo i propri diritti e deve trovare una Amministrazione che sia al suo servizio, soprattutto quando si parla di denaro e di tributi. La nostra volontà è quella di fornire ai contribuenti il miglior servizio possibile, evitando che si sentano null’altro che numeri asettici e, non meno importante, che percepiscano l’assenza della possibilità di un confronto alla pari”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli