18 ottobre 2017

Anziani e disabili, nuovo regolamento

“Oggi – spiega l’assessore alle politiche sociali, Luca Panariello – introduciamo criteri di equità e aumentiamo il livello dei servizi”. Assistenza indiretta: “Questa delibera – afferma – è frutto del lavoro di un gruppo di studio che ha coinvolto rappresentanti del comune, dell’Asl, del terzo settore e sindacati. Attraverso una rimodulazione delle modalità di accesso e dei costi al servizio riusciremo ad ampliare in maniera sensibile il numero di utenti, oggi 22, che potranno usufruire dell’assistenza indiretta”. Trasporto extraurbano e telebus: “Anche qui abbiamo inserito criteri di equità. Fino a oggi un reddito altissimo era equiparato a uno basso. L’uguaglianza quindi non corrispondeva all’equità. Attraverso l’introduzione della cosiddetta compartecipazione dei costi in base al reddito saremo in grado di potenziare il servizio, ampliando anche in questo caso gli utenti”. La distinzione sarà per Isee. Fino a 7mila euro all’anno il servizio sarà gratuito. Fino ai 10mila si pagherà un ticket di 1 euro per il trasporto urbano e 2 per quello extraurbano. Ticket che aumenterà di un euro per Isee fino a 15mila euro. E di due euro per quelli oltre i 15mila. Centri anziani. “Modificando le modalità di gestione dei centri anziani – conclude l’assessore Panariello – accogliamo le richieste che ci erano pervenute direttamente dagli iscritti ai centri anziani e garantiamo una funzionalità e una fruizione maggiore. La novità più grande sarà la possibilità del terzo mandato per il presidente e una redistribuzione delle competenze che possa ampliare la partecipazione alla vita del centro”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli