21 settembre 2017

Area cani, volontari in azione

“Per ora siamo in due, tre persone – racconta una di queste “canare”, come lei si autodefinisce  – e quando ci è possibile, con l’aiuto di un giardiniere, che paghiamo anche grazie al contributo volontario di altri frequentatori, svuotiamo i cestini e ripuliamo l’area dagli escrementi. Ci piacerebbe fare di più ma non possiamo certo essere noi a decidere interventi che sarebbero quanto mai necessari, come l’abbattimento dei diversi lecci essiccati ormai da anni o la potatura di altre piante altrimenti destinate a morire. Ci piacerebbe che altri collaborassero con noi, ognuno prendendosi cura di una zona dell’area. Io e la mia amica, per esempio, abbiamo adottato questo esemplare di quercia ripulendolo dai rampicanti che lo stavano soffocando e dalle erbacce che nascondevano una bella pianta d’agrifoglio. La manutenzione non dovrebbe essere compito nostro, ma se non ci diamo da fare noi che la frequentiamo quest’area diventerebbe inutilizzabile”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli