17 dicembre 2017

Armatore grazie ai rifiuti. Il caso Zio Mauro

Che i rifiuti possano trasformarsi in risorsa economicamente vantaggiosa è ormai un dato di fatto, ma non fino al punto di riuscire a far diventare armatore in due giorni chi ci si dedica. Eppure è quanto è successo a Zio Mauro, che dopo lo sfalcio degli argini dei canali da parte del Consorzio di Bonifica a inizio settimana ha pensato bene di sfruttare l’occasione per completare la pulizia di tutta l’area circostante il suo punto ristoro su viale Castel San Giorgio.  “La zona di parcheggio vicino alla mia attività è sempre stata presa di mira per l’abbandono di rifiuti – spiega Mauro Marchetti – soprattutto per la presenza di una folta vegetazione che permetteva lo scarico senza essere visti dalla strada. Per questo, appena terminata la pulizia delle sterpaglie lungo il canale, mi sono messo di persona con un mio aiutante a pulire gli argini e il fondo dove, come prevedevo, è venuto fuori di tutto, elettrodomestici compresi. Oltre a questo, grazie al trattore di un amico, ho fatto pulizia anche delle sterpaglie del parcheggio e tra i cumuli di rifuti che sono venuti fuori è emersa anche questa barca, nascosta lì dentro chissà da quanto”. La pulizia di Zio Mauro non è ancora finita perché è in procinto di continuare il lavoro anche sull’altro lato della strada, dove c’è da scommettere che verranno fuori chissà quanti altri sacchi di spazzatura. “Abbiamo cercato, per quanto possibile, di separare i rifiuti secondo le regole della differenziata, per esempio solo di vetri abbiamo riempito tre bidoni, ora però per la loro rimozione conto sull’aiuto dell’Ati che si occupa della raccolta. Oltre che per una questione di accoglienza verso i nostri ospiti, credo sia doveroso per ogni attività tenere in ordine dove si lavora perché sono convinto che il pulito porti pulito, mentre ci vuole un attimo per vedere trasformare in discarica a cielo aperto un posto dove c’è già della spazzatura abbandonata”.  Per la cronaca, infine, una precisazione doverosa per l’affezionata clientela: nonostante la fortuna sfacciata, Zio Mauro non ha intenzione di abbandonare il lavoro per dedicarsi alla competizioni nautiche, ma continuerà nella sua attività di sempre.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli