20 settembre 2017

Biblioteca Marchiafava, si accende una luce

Dalle finestre della biblioteca Marchiafava si affaccia un primo barlume di luce.
Che sia la volta buona? Il clamore mediatico sollevato sulla biblioteca Marchiafava, ha prodotto il risultato atteso: l’attenzione delle Istituzioni.

Il problema dei libri “inscatolati” è finalmente approdato in Giunta. L’invito alla cooperazione dell’assessore Calicchio è stato accolto dal Sindaco e sostenuto dagli assessorati ai Lavori Pubblici e al Bilancio e dalla Commissione presieduta dal Consigliere Pavinato.
Sono stati stanziati 30.000 euro per i lavori di ristrutturazione dei locali in cui fiorirà la nuova biblioteca Marchiafava, inseriti nel Bilancio che verrà approvato a breve, presumibilmente a fine mese. 
Una volta approdati  all’approvazione del bilancio, verrà indetta  un’assemblea nella quale verranno pubblicamente calendarizzati i tempi dei vari interventi e ne verranno esposte le modalità. Il volontariato non va in archivio ma avrà la sua parte nella ricostruzione aiutando ad accelerare i tempi di realizzazione. È un impegno solenne dal quale non sarà più possibile recedere senza aspettarsi altrettanto clamore.  Le belle notizie sono destinate a diventare tali quando da parole e proclami si passa alle vie di fatto. Per questo tutti gli attori della vicenda devono tenere alta la guardia e i riflettori sulla vicenda dovranno restare fino ad allora accesi. Seguiremo passo per passo le date fissate e non molleremo la presa finché il “primo mattone” non verrà posato materialmente e finché non vedremo il nostro sogno prendere forma. Genitori ed insegnanti si muovono compatti in questa vicenda il cui valore non è soltanto materiale ma simbolico. Nessun passo indietro sarà più concesso.. A nessuno. Le insegnanti che hanno dato vita alla biblioteca e tutte quelle che con loro ne hanno accompagnato lo straordinario percorso, segnano un punto importante ma i veri vincitori morali sono i bambini. Loro hanno vinto la prima sfida alle Istituzioni e aspettano con ansia di risistemare i libri sugli scaffali.
Il loro grazie a chi ha sostenuto e continua a sostenere il progetto, a chi non ha mai smesso di crederci e far sentire la propria voce… Ai custodi ed educatori privilegiati di ciò che sarà il nostro futuro.  
CE L’ABBIAMO FATTA? Sembrerebbe di si… Incrociamo le dita e aspettiamo con ansia l’approvazione del bilancio.

Paola Meloni

 

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli