20 settembre 2017

Mare, calo di presenze, ok i chioschi

Rispetto allo scorso anno, stagione non esemplare, i gestori degli stabilimenti balneari lamentano un calo di presenze che supera il 20%. Escludendo maggio e giugno, mesi in cui il tempo è stato inclemente, anche a luglio e agosto le cose non sono andate nel migliore dei modi. “Mancano le presenze è fuori discussione, lo dicono la maggior parte dei miei colleghi – conferma Italo Bova, gestore della Rivetta – c’è un calo da parte dei turisti di passaggio, quelli che si fermano una giornata in riva al mare e poi la sera tornano nella Capitale. Un calo preoccupante anche perché a Roma tante famiglie non sono andate in vacanza. E se non ci sono neppure i soldi per venire in spiaggia vuol dire che siamo messi proprio male”. Una flessione confermata dai fornitori di gelati e bevande, gli indicatori estivi più sensibili, dicono che a Fregene in riva al mare i consumi hanno fatto registrare un calo netto almeno del 20%. Eppure a sentire le agenzie immobiliari il mercato degli affitti ha tenuto, almeno rispetto al 2009 comunque “annus horribilis” per il centro balneare. E allora chi manca all’appello? Certamente i pendolari, sono loro durante la settimana i grandi assenti. Nel fine settimana, tempo permettendo, le spiagge si riempiono di nuovo ma con qualche una differenza. “Si spende meno comunque anche il sabato e la domenica – spiega Emma Pascali gestore del Patio e presidente del sindacato balneari – eppure pensavamo di avere toccato il fondo lo scorso anno”. “A luglio e nella prima parte di agosto le presenze dei proprietari delle seconde case sono state le stesse dello scorso anno – interviene Claudio Sabbatini, titolare della farmacia locale e consigliere comunale – certo i nodi di questa località sono rimasti gli stessi di un tempo, prima la viabilità e poi il lungomare. Ma questo centro balneare ha ancora tante prerogative: la vicinanza con la Capitale, molti imprenditori lasciano la famiglia nelle villette immerse nel verde, i bambini vanno al mare in bicicletta e le spiagge sono amie e attrezzate. Insomma, la “Roma bene” continuerà sempre a strizzare l’occhio a Fregene”. Anche se vivere di sola estate sta diventando sempre più difficile e, mancando qualunque tipo di politica turistica o di promozione organizzata, la stagione balneare è sempre più da inventare. Lo sanno bene i chioschi che dal nulla hanno creato l’aperitivo al tramonto, ormai un vero e proprio filone d’oro. Fa ancora una certa sensazione vedere come a partire dalle 18.30, mentre dagli altri stabilimenti balneari la gente esce per tornare a casa, al Villaggio dei Pescatori un fiume di gente in senso contrario si riversa sulla spiaggia di Singita, Ondanomala, Kiosco e Controvento per dare inizio al rito che si conclude con una standing ovation alla quale partecipano migliaia di persone. “Quest’anno abbiamo incrementato il lavoro dell’aperitivo di un buon 30% – spiega Marco Falsarella, deus ex machina del Singita – è sempre una grande emozione vedere il sole che sparisce all’orizzonte. Partecipano tutti, giovani ma anche famiglie con i bambini, persone anziane. Noi cerchiamo di renderlo ancora più suggestivo accompagnandolo con musiche di Morricone e al momento clou facendo battere il gong da un indiano”. E i chioschi, in netta controtendenza, hanno anche aumentato il lavoro durante il giorno, non solo perché fanno tendenza ma anche perché il lettino nei giorni feriali non supera i 5 euro, in periodi di crisi fa comodo risparmiare qualche soldo. Come fanno tutti quelli che da Roma, prima di arrivare in spiaggia, si fermano nei supermercati dove comprano panini, pizza e bibite fresche. Un fenomeno che, in questo ultimo anno, ha raggiunto livelli prima sconosciuti. È il vecchio “fagotto”, forse mai passato di moda, ma che ora torna prepotentemente alla ribalta. “Siamo tornati indietro di 40 anni”, commenta sconsolato Alberto Franchellucci, gestore del Miraggio.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli