22 settembre 2017

Canapini:

“Sicuramente gran parte del merito per il salvataggio di tutti i passeggeri va dato al pilota – ha proseguito Canapini – ma anche all’immediato intervento delle squadre di soccorso che sono riuscite a mettere in salvo i 148 passeggeri e le 5 persone dell’equipaggio. Ci piacerebbe quindi sapere dalle Autorità Competenti quale piano di emergenza è previsto qualora un incidente analogo dovesse succedere a Fiumicino. Anche perché dalle Autorità Marittime uscirebbero solo tre motovedette i cui equipaggi hanno il compito di lanciare in mare scialuppe autogonfiabili, sulle quali nessuna persona, ancor di più se ferita, riuscirebbe a salire a bordo senza l’aiuto di un soccorritore”. Per questo il sindaco in passato ha richiesto, e ancor di più oggi sollecita all’Enac, all’Autorità Aeroportuale e al Ministero delle Infrastrutture “la messa a punto di un efficiente piano di emergenza in grado di dare immediati ed adeguati soccorsi ai passeggeri in una simile circostanza che ci auguriamo di non vivere mai”. 

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli