18 ottobre 2017

Cani avvelenati, brava gente in giro

cane randagio canile

Abbiamo chiesto a Rosanna che abita a Fregene in via Marotta di spiegare bene cosa è successo ai suoi cani, ecco il suo racconto:

“Verso fine agosto abbiamo cominciato a vedere i nostri due cani che vomitavano. All’inizio non abbiamo dato gran peso alla cosa. Poi, dopo circa 4-5 giorni, hanno cominciato a fare le feci con pezzi di vetro. Siamo stati dalla veterinaria che ha detto che non dovevamo dare cibo secco in modo che i cani potessero espellere più facilmente. Siamo stati anche dai carabinieri che ci hanno indirizzato dal veterinario. Infine il 13 settembre di pomeriggio, anche perché la mattina c’eravamo noi in casa, gli hanno dato il veleno per lumache (tra l’altro ci siamo informati dai rivenditori di Fregene che sono veleni che possono essere venduti solo a chi ha la licenza). La sera verso le 22.20 mio marito arriva a casa dopo aver staccato di lavorare e trova Molly di 5 anni stesa sul pavimento convulsioni bocca serrata e vomito, blu ovunque (ancora viva). L’altra di 9 mesi morta sotto la siepe completamente irrigidita. Quindi corsa al Pronto Soccorso di Villa Carpegna, fatta subito dose di valium e ricovero di due notti con flebo per defluire meglio il sangue che era denso. Ora sta a casa ma è molto impaurita quando qualcuno si avvicina. Sta meglio ovviamente ripresa per miracolo ma ancora debole”.

Quando le abbiamo chiesto quale potrebbe essere il motivo Rosanna ci ha risposto: “Se è perché abbaiavano non erano certo i soli”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli