19 ottobre 2017

Centro Diurno, la lettera di Aracri

Maurizio Perazzolo, presidente regionale della Commissione Lavoro Pari Opportunità, Politiche Giovanili e Sociali, il sindaco di Fiumicino, Mario Canapini, Vincenzo D’Intino, assessore comunale alle Politiche Sociali e Massimiliano Graux, capogruppo PDL in Consiglio comunale. “Sono venuto a conoscenza dei fabbisogni del territorio del Comune di Fiumicino in ordine ai servizi a favore della popolazione diversamente abile, peraltro considerevole, ed in particolare che non esiste un “Centro Diurno” atto a determinare per costoro una “vita normale” assicurandogli prestazioni e attività educative, riabilitative, occupazionali, ludiche, culturali e formative con associato servizio mensa e trasporto. Alla luce di quanto suddetto, la creazione di un “Centro Diurno”, sarebbe in primis di utilità ai nostri cittadini meno fortunati e contribuirebbe  sicuramente ad aiutare le famiglie che hanno (cosa di non secondaria importanza)   queste   necessità   ed   in   ultimo,   rispetterebbe   un nostro programma elettorale nel capitolo Obiettivo Famiglia. Da un’indagine eseguita sul territorio del Comune di Fiumicino è emerso che è in essere la struttura marina Don Guanella a Passo Scuro, alla quale ci si potrebbe rivolgere per poter stipulare una convenzione mirata allo scopo. Tale atto, è ovvio, prevede in prima istanza uno studio di fattibilità coinvolgendo la Regione, la Provincia ed il Comune stesso al fine di quantificarne i costi ed i relativi fondi da stanziare da parte degli erogatori pubblici”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli