24 settembre 2017

Da Ostia le partenze dei traghetti per le isole?

Non parlano di competizione il primo cittadino di Fiumicino, Mario Canapini, e il presidente del XIII municipio di Roma, Giacomo Vizzani. Per Vizzani "e’ necessario ragionare sull’area vasta – dice all’ADNKRONOS il ‘mini sindaco’ di Ostia – e si possono trovare equilibri sia per il Comune di Roma che per Fiumicino. Certamente l’idea di cui si sta discutendo porterebbe risorse, turismo e benessere diffuso ad Ostia". "Non c’e’ nessuna competizione – ribadisce il sindaco di Fiumicino – i traghetti fino allo scorso anno per le Isole Pontine e per la Sardegna oltre che da Civitavecchia partivano anche da Fiumicino. Quest’anno la Tirrenia ha dato forfait per problemi interni all’azienda ma spero che presto si torni a ripristinare il servizio, che sia con la Tirrenia o con altre compagnie. Ostia – sottolinea Canapini – ha una vocazione piu’ turistico-balneare mentre Fiumicino e’ piu’ orientata verso il polo nautico-marittimo, con una maggiore vocazione in questa direzione. L’autorita’ portuale, che comprende Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta, l’anno scorso ha inaugurato una stazione marittima a Fiumicino dove sono stati spesi piu’ 600 mila euro e noi abbiamo definito il progetto per la realizzazione di un porto commerciale che dovra’ alleggerire Civitavecchia dalle navi da crociera. "Fiumicino – conclude il sindaco – e’ in effetti piu’ adatta ad ospitare navi da crociera, oltre che i collegamenti con le isole e altri porti del Mediterraneo. Ostia, invece, non ha avuto mai una vocazione marittima intesa come navigazione, perche’ per avere collegamenti occorre una struttura e infrastrutture stradali adeguate. Ci sarebbe solo una duplicazione dei costi, fuori luogo in un periodo di crisi". (Adnkronos)

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli