23 settembre 2017

De Vecchis, imposta soggiorno destinata al turismo

Visto che il ricavato di essa nella forma del 50% verrà destinato alla promozione del Turismo. E nello sviluppo del suo indotto, l’introduzione di questa imposta pemetterà inoltre anche un ulteriore censimento delle attività ricettive del nostro territorio. L’aver quantificato è unificato la cifra a 2 euro è un ulteriore aiuto alla categoria Alberghiera vista l’attuale situazione economica che la nostra nazione sta vivendo, ma il punto di maggior forza della delibera ieri votata in consiglio comunale è l’istituzione di un tavolo permanente composto dalle categorie di settore comune e altri enti attivi nel mondo del turismo come potrebbero essere le Pro Loco.

Inoltre le fasce sociali tutelate ed esenti al dispositivo sono numerose, come persone che necessitano cure negli ospedali del Territorio e le loro famiglie costrette a risiedere negli Alberghi del comune a fini di cura, le persone con disabilità, oltre a numerose agevolazioni per le varie categorie lavorative e produttive.

Un imposta che grazie al federalismo fiscale potrebbe diventare un incentivo per rilanciare il turismo agricolo, culinario nonchè culturale e archeologico del nostro comune che ad oggi ancora non è stato ben valorizzato. Un Ringraziamento va alla Federal Alberghi  per l’importante e utile collaborazione.

 

William De Vecchis

Membro commissione comunale Bilancio

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli