21 ottobre 2017

Fiumicino 2, FuoriPISTA lancia l’allarme

Il Comitato FuoriPISTA, insieme a Legambiente,  ha infatti effettuato un monitoraggio acustico in sei diversi siti fra Maccarese, Fregene e Focene: zone abitate e limitrofe all’aeroporto Leonardo da Vinci.  I risultati di questa prima indagine documentano una situazione insostenibile per i cittadini sottoposti quotidianamente al rumore prodotto dagli aerei in fase di decollo e atterraggio. In tutti e sei i siti monitorati risulta che i limiti al rumore previsti per i centri abitati vengono continuamente superati, in alcuni casi con delle emissioni in decibel doppie rispetto ai limiti consentiti. Le informazioni contenute nella documentazione prodotta relative ai disturbi provocati alla salute dall’esposizione al rumore, specificati a seconda delle varie fasce di intensità di inquinamento acustico, devono costituire un campanello d’allarme per le autorità preposte alla tutela della salute dei cittadini. “Siamo convinti che anche un monitoraggio sulla qualità dell’aria darebbe risultati analoghi – fanno notare i membri del Comitato FuoriPISTA –  documentando, se venisse svolto nelle zone abitate e circostanti l’aeroporto, il superamento degli indici consentiti dalle norme vigenti in materia, così come già riscontrato in Fiumicino paese attraverso la Valutazione della qualità dell’aria effettuata a giugno 2010 dall’Assessorato alle Politiche della Tutela Ambientale, Servizio Tutela Aria ed Energia. Da quanto riportato emerge in maniera evidente che l’inquinante più critico risulta essere il PM10 con diversi superamenti del valore di legge.  Ricordiamo che il PM può essere distinto in primario e secondario in base ai processi che lo hanno prodotto: primario è anche il particolato immesso in atmosfera attraverso processi di combustione ad alta temperatura tra i quali il traffico aereo. Così come per l’inquinamento acustico anche nel caso dell’inquinamento atmosferico le autorità preposte alla tutela della salute dei cittadini dovrebbero prenderne in seria considerazione i potenziali effetti sulla popolazione. Nella sintesi prodotta dal Comitato (cfrwww.comitatofuoripista.it/documentivari/sintesi_studio_provincia.pdf ) allo studio della Provincia di Roma riportiamo quanto pubblicato sul sito Arpa Emilia Romagna circa gli Effetti sulla salute del PM10. In queste condizioni prospettare un raddoppio dell’aeroporto risulta del tutto impensabile, oltre che impraticabile. È invece necessario ripristinare la legalità a tutela della salute pubblica predisponendo i piani previsti dalla normativa per contenere i livelli d’inquinamento prodotti dall’attività aeroportuale, effettuando e rendendo pubblici i controlli dell’inquinamento acustico e dell’aria, che la normativa prevede e che per il più grande aeroporto italiano, qual è il Leonardo da Vinci, sono a tutt’ora mancanti”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli