24 ottobre 2017

Fiumicino capitale dell’abusivismo?

Questa notizia non è frutto della propaganda dell’opposizione è la denuncia del nuovo Assessore all’urbanistica della Regione Lazio Ciocchetti, noto esponente del centrodestra laziale. Il dato è allarmante, e non ha suscitato molte reazioni da parte dell’impaludata amministrazione Canapini. Anzi ci aspettiamo commenti positivi tutti a dimostrare che essere uno dei Comuni più abusivi del Lazio è un vanto che dimostra come funziona la capacità di far emergere il fenomeno, come a dire “ se cade una frana sulle delle case, la cosa importante è accorgersene. Sapendo poi che si rimarrà a guardare la frana che scende”. Alcune domande ci vengono però in mente: se, come oramai è evidente, gran parte dei dipendenti della Polizia Municipale sono stati impegnati fino a qualche settimana fa nella digitalizzazione delle multe dei Velox e a salvare lo sgangherato bilancio comunale. Se il perseguimento degli abusi avviene quasi sempre su segnalazione dei cittadini e non su capacità investigativa che presupporrebbe mezzi e personale che la nostra Polizia Municipale non ha. Se gli abusi che si rilevano sono piccoli abusi: la tettoia, il recinto e solo qualche cambio di destinazione d’uso. Se in giro non si vedono ruspe che tendono a ripristinare i luoghi. Non è che il numero di 1016 abusi nasconda un fenomeno ben più vasto e profondo tale da aver fatto diventare il nostro PRG carta straccia? Non è che Canapini e i suoi abbiano riportato indietro il nostro territorio agli anni del grande abusivismo, quando ognuno faceva quel che voleva? (Paolo Calicchio,  capogruppo PD Comune di Fiumicino e Raffaele Megna Membro Direzione Provinciale PD).

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli