20 settembre 2017

Germana e la gabbianella

Sì, era un tranquillo sabato a Fregene e, come di “consueto” a febbraio, aveva appena nevicato. Così decidemmo di fare due passi sulla spiaggia imbiancata e trovammo i soliti gabbiani Chtuì e Tiffany che consumavano il loro spuntino delle undici in compagnia di Germana, commentando lietamente le notizie del giorno in umano-gabbianese. Ci fermammo anche noi a partecipare all’allegria generale e mia figlia fece, come al solito, un piccolo pupazzo di neve che piacque molto alla gabbianella Tiffany. Tornammo a casa, scrutando il cielo e chiedendoci se, sarebbe stato necessario montare le catene per arrivare a Maccarese…Naturalmente, è tutto vero. Sulle nevicate del febbraio 2012 non possono esservi dubbi, ma è anche vero che la signora Germana Fantauzzi dalla scorsa estate intrattiene una cordiale relazione d’amicizia con una gabbianella ed il suo compagno. La signora dalle grandi ali è stata nominata “Tiffany”, in onore di una piccola ospite dello stabilimento “La Vela”ed è socievole e affettuosa, il marito, sig. Chtuì (così si era presentato già dalla prima volta!), sta un po’ più sulle sue e tende a controllare la situazione ad una certa distanza, ma quando il pasto è apparecchiato non esita troppo a scendere e servirsi. Entrambi hanno una predilezione per gli spuntini a base di tonno in scatola, ma, mostrando una certa tolleranza, ammettono anche altri tipi di pesce, possibilmente cotto. Si sa, a Fregene la cucina di mare ha una tradizione. Anche ora che la neve si è sciolta, il doppio appuntamento quotidiano (metà mattina e pomeriggio) sulla spiaggia della Vela, costituisce ormai un interessante momento d’incontro e scambio tra pennuti e bipedi e i numerosi amici che spesso assistono al rituale lo garantiscono: la signora Germana ormai padroneggia perfettamente il gabbianese colto. Chtuì, Chtuì! (di Alessandra Benadusi)

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli