21 ottobre 2017

I disobbedienti civili della Tares

Questo allarme spaventa ovviamente tutti gli onesti contribuenti che pagano da anni la vecchia TARSU (Tassa Rifiuti Solidi Urbani). Questa tassa è purtroppo lievitata nel tempo grazie alle multe che ci ha comminato ogni anno la comunità europea per non aver avviato a suo tempo la differenziata e grazie, ora che è stata avviata, anche al fatto che un corposo esercito di gente non solo non l’ha mai pagata in passato ma non ha alcuna intenzione di pagarla oggi (parliamo per noi, nel comune di Fiumicino, la Tarsu non pagata da qualcuno ricade ovviamente su tutto il Comune). Ciò crea un duplice danno a chi ha pagato e paga la Tarsu ogni benedetto anno. Questo soggetto civile si ritrova ogni anno a pagare di più (danno economico) ed a vivere in un ambiente deturpato (danno ambientale da inquinamento). A chi chiedere il risarcimento dei danni? Ci auguriamo che ci sia una sollevazione popolare fra i contribuenti della Tares. Il Sindaco Montino non potrà permettersi di aumenta re la nuova Tares fino a che non troverà il modo di far emergere gli evasori o stanarli e far pagare la Tares equamente a tutti, proprio tutti gli abitanti del comune di Fiumicino.
Le persone civili, costrette a vivere nell’immondizia non per loro demerito, non pagheranno più aumenti per la spazzatura “indifferenziata” altrui buttata nei boschi e nelle campagne. BASTA agli “ominidi” è ora di finirla ognuno si assuma le proprie responsabilità, cresca socialmente e differenzi civilmente, altrimenti si potrebbe arrivare alla disobbedienza civile, ritorsioni verso le amministrazioni e al non pagamento da parte di chi ha sempre correttamente pagato più di quello che doveva, anche per gli altri, ma ci si deve organizzare insieme. NO alla TARSU + 30% solo per i soliti cittadini contribuenti “noti”!

Un contribuente che non pagherà la TARSU aumentata al 30% finchè non pagheranno tutti gli evasori e gli zozzoni.

S. L.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli