22 settembre 2017

“I problemi della differenziata”

Io e la mia famiglia abitiamo lì da una decina di anni e da quando è partita questa nuova modalità di raccolta dei rifiuti Passoscuro è ancora più sporca.  L’aver tolto i cassonetti dalle strade pubbliche è stato un vero errore perchè ha generato e moltiplicato l’inciviltà degli abitanti. Laddove prima c’erano i cassonetti ora ci sono i sacchetti dell’immondizia buttati per terra, agli angoli delle strade. Con l’inconveniente che gatti, topi, cornacchie, formiche e scarafaggi banchettano allegramente, sventrando i sacchetti e lasciando per terra rifiuti maleodoranti; quando piove poi tutto è ancora più rivoltante perchè l’acqua allaga l’immondizia che giace per terra e che si spande…con un evidente danno anche per l’ambiente e per le falde acquifere. Altro problema: io ho un cane e ho sempre raccolto i suoi escrementi con le apposite bustine ma ora la bustina “ripiena” dove la metto? I cassonetti non ci sono più, non posso mica portarmela in tasca e poi buttarla a casa! E i bambini che mangiano per strada o ai giardinetti un gelato, un pacchetto di patatine, una merendina, un pezzo di pizza dove possono buttare la carta sporca? anche loro non possono certo mettersela in tasca! Senza pensare a chi occasionalmente viene a Passoscuro i rifiuti che produce dove li butta? Parlando con diverse persone che abitano a Passoscuro e confrontandoci sull’argomento ho saputo che molti si stanno regolando (purtroppo) non raccogliendo più gli escrementi del proprio cane e “lasciando cadere per terra” le carte….per la verità qualche piccolo cestino ancora si trova ma sono pochissimi e temo che con la fine dell’estate il comune venga a ritirare per sempre anche quelli. E poi essendo pochissimi i cestini e dislocati in punti estremi de lla cittadina la gente non ha certo la buona volontà di arrivare fin lì per gettare una carta sporca! 
Mi auguro che il comune di Fiumicino faccia una riflessione sulle varie problematiche che stanno emergendo, e che in questi giorni ho letto sulla stampa locale, a conferma del fatto che quanto scrivo non è fantasia. Com’era prevedibile questa modalità estrema con la quale è stata pensata la raccolta rifiuti a Passoscuro sta dando i suoi cattivi frutti. Va bene differenziare ma sarebbe stata un’idea sensata e preferibile posizionare dei cassonetti differenziati su strada e allora sì che il cittadino avrebbe potuto lì conferire i propri rifiuti che dentro casa già differisce. In altre città i cassonetti non sono stati tolti da un giorno all’altro dalle strade ma sono stati differenziati, con costi minori per i comuni perchè non esiste il porta a porta. In quelle città però le strade non sono sporche come a Passoscuro. Non si possono posizionare su strada i cassonetti differenziati, o almeno posizionare qualche cestino in più o meglio ancora posizionare qualche cassonetto, dove poter conferire i rifiuti indifferenziati!Pretesa credo giustissima da chi paga le altissime tariffe TARSU e poi mi chiedo ma al comune non costa di più pagare gli operatori ecologici che raccolgono ad uno ad uno i sacchetti buttati agli angoli delle strade, piuttosto che il camion che prima svuotava meccanicamente i cassonetti? 
Sono sicura che se verranno posizionati dei cassonetti e dei cestini in qualche angolo di strada anche l’incivile di turno si sentirà in dovere di buttare la dentro i rifiuti anzichè sparpagliarli qua e la nell’incuria generale. Altro appunto che le vorrei evidenziare è calendario con il quale vengono a svuotare i mastelli con il porta a porta. Per alcuni rifiuti che puzzano di più dentro casa la raccolta non è giornaliera, non possiamo certo vivere dentro casa con i rifiuti che “decantano” in attesa che venga il giorno in cui il camiocino li verrà a raccogliere….non tutti hanno un balcone dove sistemare i mastelli, e non tutti hanno una casa grande per adibire uno stanzino a “piccola Malagrotta”….immaginate i rifiuti domestici meno “profumati”: rifiuti di pesce, bucce di frutta, confezioni di latticini, che scolano e puzzano”. (Renata)

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli