22 settembre 2017

Isola ecologica, virtuosi e virtuali

aia-centro-di-raccolta-k

Isola ecologica di via Cesenatico. A Fregene il problema dell’immondizia abbandonata è risaputo e cronico, maledetti siano i cafoni che sporcano e benedetti coloro che spinti da senso civico portano i rifiuti in via Cesenatico, ma deprecabili siano i padri del regolamento dell’isola ecologica. Richiedere la bolletta è ridicolo, nell’era informatica dovrebbe essere l’amministrazione a fornirsi dei dati e verificare se uno è in diritto di usufruire dello smaltimento. A Roma (e ho detto tutto) se mi reco ad una qualsiasi IE mi fanno scaricare senza tante domande. Davanti a queste procedure burocratiche, oltretutto esposte con fare supponente e scocciato dagli addetti di turno, anche il più virtuoso dei virtuosi viene indotto in tentazione, e il risultato è evidente quotidianamente. Altro aspetto curioso è che mentre io, per grazia ricevuta, svuotavo le mie potature, un bel numero di ragazzotti, probabilmente giardinieri, sicuramente non residenti e sicuramente sprovvisti di bolletta, scaricavano bidoni di potature. Alla mia richiesta di spiegazioni l’addetta mi rispondeva che erano verificati e registrati, strano…

Andrea Scarpelli

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli