21 settembre 2017

Istituto Baffi, Fortini: “verità e fantasie”

La situazione vera e non presunta dei fatti è la seguente; il nuovo plesso scolastico dedicato alla scuola alberghiera è stato interamente finanziato dalla Provincia di Roma per un importo di 1.700 milioni di euro, una struttura come detto dedicata alle attività alberghiere, quindi con locali progettati per ospitare cucine, laboratori e tutti quei luoghi necessari ad esercitare ed studiare le attività legate alle future professioni del settore.
L’Istituto Paolo Baffi, attraverso la Dirigente ed il Segretario Amministrativo e la collaborazione del sottoscritto, è stata varata una gara a livello nazionale per dotare l’istituto delle cucine, (450 Mq. tra le più grandi in Italia) e tutte le attrezzature necessarie per un importo pari a 540,00 totalmente a carico del MIUR Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, in quanto per legge l’acquisto delle attrezzature sono di competenza ministeriali, lo stesso ministero in prima istanza ha dato il via libera all’acquisto e successivamente dopo l’iter di apertura delle offerte ed aggiudicata la gara, il ministero ha bloccato i finanziamenti. Per ovviare a questo inaspettato quanto imprevisto evento da parte del MIUR, la Provincia di Roma, ha finanziato con un importo di 190,00 mila euro delle strutture esterne per le esercitazioni degli alunni, come previsto obbligatoriamente dal programma ministeriale. Dopo mesi di incessanti incontri della Dirigenza dell’Istituto con il supporto della Provincia presso il MIUR, non si riusciva a sbloccare il finanziamento per l’acquisto delle cucine, mettendo in grave difficoltà l’Istituto sia nei confronti degli alunni che della ditta vincitrice dell’appalto, che scaduti i termini del contratto poteva chiedere la penale nel non aver rispettato i termini contrattuali.
Grazie all’intervento dell’Assessore Stella, la Provincia di Roma si è presa in carico il 33% della somma che il MIUR, cioè il Governo Centrale, doveva versare per l’acquisto delle cucine e delle attrezzature accessorie, inoltre le spese per la realizzazione dell’impianto elettrico e del gas, circa 45,00 mila euro sono state tutte sostenute dalla Provincia di Roma, costi che non erano di propria pertinenza, ma di competenza del MIUR.
Mi preme inoltre sottolineare che la Provincia di Roma, ha già predisposto il finanziamento per il 2011 del nuovo stabile che sorgerà accanto all’attuale alberghiero, che dovrà ospitare i nuovi corsi formativi che sono di primaria importanza per il nostro territorio.
In questa vicenda, devo rilevare che, ne Lei, On. Tomaino, ne il Consigliere Biselli siete mai stati presenti per supportare tali problematiche, perché l’obiettivo comune della Dirigenza scolastica, del corpo docente e del sottoscritto è quello di avviare entro il 10 gennaio 2011 la cucina più moderna ed efficiente oggi presente tra gli istituti italiani e, sottolineo, di un Istituto come il Paolo Baffi, tra le eccellenze del panorama scolastico nazionale, insomma un fiore all’occhiello del nostro territorio che va sostenuto ed incentivato nei progetti ed attività, perché i nostri ragazzi hanno bisogno di strumenti moderni per competere nel mercato del lavoro.
Sono sicuro che l’Istituto Paolo Baffi, sarà lieto di invitare la collettività a visitare ed apprezzare l’ottimo lavoro svolto nel giorno dell’inaugurazione dei nuovi quanto sospirati laboratori di cucina.
(Il Presidente del Consiglio, d’Istituto “Paolo Baffi”, Armando Fortini)

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli