25 settembre 2017

La Spatola JK68 alle Vasche

spatola vasche ok

L’Oasi WWF Vasche di Maccarese si conferma un “autogrill naturale” per gli uccelli migratori. Nei primi mesi di agosto è stata avvistata in uno degli invasi una Spatola (Platalea leucorodia). È un uccello straordinario il cui nome deriva proprio dal caratteristico becco lungo e piatto terminante con l’estremità a forma di spatola. L’esemplare era inanellato, possedeva infatti un anello sulla zampa; da questo è stato possibile raccontare la sua storia. Gli anelli colorati, che vengono applicati agli uccelli, consentono ai ricercatori di raccogliere tantissimi dati e informazioni attraverso la semplice lettura del codice associato al colore, possibile utilizzando strumenti come cannocchiali, binocoli e macchine fotografiche. Maurizio Rossi, volontario che collabora attivamente in oasi, si è occupato della lettura dell’anello, grazie alla quale si è potuto risalire alla cronistoria di vita dell’animale. Ecco quello che siamo riusciti a sapere: l’animale è che stato inanellato il giorno 12.05.2016 quando era pullo e incapace di volare, pensate un po’ in Ungheria (Località Hortobágyi halastavak); gli è stato applicato un anello metallico con scritto “JK68” su fondo bianco. Finalmente il 7.8.2016, dopo 87 giorni, Candida, così l’abbiamo chiamata, è arrivata all’Oasi WWF Vasche di Maccarese, volando per 948,74 km, in direzione 230,52° dalla località di inanellamento. Siamo riusciti quindi a ricostruire velocemente tutti gli spostamenti che dalla sua nascita ha fatto e i chilometri che ha percorso. Grazie alla tecnica dell’inanellamento è possibile conoscere le aree di nidificazione, sosta e svernamento come tutti gli spostamenti che le diverse specie fanno durante le fasi dell’anno. Adesso siamo tutti curiosi di sapere quale sarà la prossima meta di Candida e in quali altri luoghi si fermerà durante il suo lungo viaggio. E allora, non ci resta che aspettare, con la speranza di rivederla presto, ma anche con la consapevolezza che il fenomeno delle migrazioni è qualcosa di straordinario.

di Riccardo Di Giuseppe, Naturalista – Resp. Oasi WWF Litorale romano

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli