19 ottobre 2017

L’aeroporto Leonardo Da Vinci compie 50 anni

Quando si prospetto’ la necessita’ di fornire la Capitale di un aeroporto piu’ grande di Ciampino. L’anno dopo una commissione interministeriale tra varie opzioni giudico’ la pianura di Fiumicino l’area piu’ idonea per la costruzione della struttura: una decisione destinata ad innescare accese polemiche e accuse di corruzione. La mattina del 20 agosto ’60 comunque, a cinque giorni dall’apertura dei Giochi Olimpici di Roma, Giuseppe Togni, all’epoca ministro dei Lavori Pubblici, consegnava a Giulio Andreotti, appena nominato ministro della Difesa, il nuovo aeroporto di Fiumicino per avviarne la gestione. La sera dello stesso giorno, alle 18.20, nello scalo romano non ancora del tutto operativo ma in grado di alleggerire il traffico aereo di Ciampino, atterrava il ‘Convair’ del Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi. La notte tra il 14 e il 15 gennaio 1961, poi, con il trasferimento delle compagnie aeree il Leonardo da Vinci entrava definitivamente in attivita’. A quei tempi Fiumicino si presentava con un unico corpo centrale, l’ex terminal C oggi unificato all’ex B e rinominato Terminal 3. La maggior parte dei passeggeri effettuava le operazioni di accettazione alla stazione Termini per poi raggiungere in pullman l’aeroporto (all’epoca non c’era l’autostrada ne’ tantomeno la ferrovia: l’unica via di collegamento con il Leonardo da Vinci era rappresentata dalla Via del Mare). Oltre ai check-in, la farmacia, l’edicola, una banca, un bar e l’ufficio postale erano i servizi essenziali. Passerelle e scalette in metallo, dopo il controllo passaporti e la Dogana, consentivano ai viaggiatori di raggiungere a piedi gli aerei. Tragitto che veniva compiuto in senso contrario da chi invece arrivava a Roma: partenze e arrivi avvenivano infatti su un unico piano. Erano quelli gli anni della Dolce Vita. Nella Capitale sbarcavano i divi del Cinema d’oltre Oceano, Burt Lancaster, Richard Burton, Liz Taylor e tanti altri che attiravano in aeroporto decine di fotografi. Intanto, con il passare del tempo, Fiumicino cominciava a subire le prime trasformazioni. Vennero realizzate opere di ampliamento dell’aerostazione internazionale, il prolungamento della pista n. 2, quella perpendicolare al mare, costruita la terza pista e l’aviorimessa per i Boeing 747 di Alitalia. Nel 1974 la nascita di Aeroporti di Roma, la societa’ che, come concessionaria esclusiva per la gestione e lo sviluppo del sistema aeroportuale della Capitale, avvio’ la propria attivita’ a partire dal luglio dello stesso anno. Attualmente il sedime aeroportuale si estende su 1.400 ettari. Cinque i terminal, quattro le piste, 359 i banchi check-in, 86 le uscite di imbarco. Nel 2009 il Leonardo da Vinci ha visto transitare 33.811.637 passeggeri, di cui 12.629.323 sui voli nazionali e 21.182.314 sugli internazionali. Nei primi sei mesi di quest’anno si e’ gia’ arrivati a registrare un totale di 16.704.734 presenze. Numeri destinati a salire velocemente: anche senza considerare l’eventuale assegnazione delle Olimpiadi a Roma, si calcola che nel 2020 i passeggeri aumenteranno a 55 milioni e a 90-100 milioni entro il 2044. Di qui il piano di investimenti di AdR che, dopo il ‘via libera’ all’aumento delle tariffe aeroportuali, prevede un’estensione del sedime aeroportuale di ulteriori 1.300 ettari (nella campagna di Maccarese, ipotesi che suscita non poche polemiche ndr) per una nuova aerostazione di quasi un milione di metri quadrati. (Ansa)

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli