22 settembre 2017

Le Vignole un anno dopo, ricordo e rabbia

Duecento persone assistono alla messa stipati tra il marciapiede – ora c’è – e lo sterrato. Le facce sono scure, come quelle di un anno fa, il dolore non è arretrato di un millimetro. Molti guardano con rabbia una pensilina bianca e blu, montata negli ultimi giorni, che sembra trasportata lì da Londra o Parigi. Su uno striscione c’è scritto: <<Vergogna>>.Ci sono anche tanti bambini, i compagni di classe delle bambine morte. Dopo la cerimonia andranno a piedi a casa di Jonel Ciobanu che è rimasto ad abitare a pochi metri da via Montanari. <<Papà Jonel>>, l’uomo che nell’incidente ha perso tutto, la moglie Rozica e le due figlie, Bianca Lorena e Joaana Andreea, di 7 e 13 anni. Sarà lui a distribuire nel giardino dolcetti e doni per rendere, in qualche modo, ancora viva la presenza delle piccole scomparse. Anche nelle scuole si è voluto ricordare quel 26 febbraio del 2008. Alla media <<Albertini>> di Maccarese, dove andava Joaana, in palestra alunni e famiglie hanno letto insieme alcune riflessioni. Alla Marchiafava, la scuola di Bianca Lorena alla quale è stata dedicata la biblioteca, mattinata dedicata alle letture per i più piccoli, poi l’apertura della mostra <<Una giornata per la sicurezza stradale>>,  organizzata in collaborazione con la Biblioteca dei Bambini. E’ stata la giornata del ricordo ma anche della voglia di cambiare. <<La Rete della sicurezza dei cittadini”, che riunisce tante associazioni del territorio, ha lanciato la campagna <<Io non corro, rispetto la vita>>, distribuendo adesivi per sensibilizzare una guida sicura e responsabile. E stata la giornata del ricordo ma anche della rabbia. Suscitata dalla recente decisione del consiglio comunale di approvare la delibera Interporto – Piattaforma Logistica. In attesa delle varianti urbanistiche e delle opere viarie, altri Tir potranno impegnare via della Muratella, partendo proprio da via Montanari.   «Decisione quanto meno intempestiva, vista la tragica ricorrenza – commenta l’ingegner Andrea Ricci della Rete dei cittadini per la sicurezza – le speculazioni politiche, le motivazioni dei diversi schieramenti, non ci interessano. La nostra battaglia va esattamente contro questo tipo di scelte per il territorio. Con il via libera, oltre all’aumento del traffico, ci sarà una moltiplicazione del rischio incidenti».E’ stata la giornata del ricordo ma anche della speranza che qualcosa possa davvero cambiare. Poco prima della fiaccolata per le vittime, partita alle 21 da via Montanari, è arrivata la notizia ufficiale: l’Anas ha deliberato, stanziando 3 milioni di euro, l’esecuzione dei lavori per realizzare la viabilità accessoria sull’autostrada Roma-Fiumicino. Un intervento che servirà decongestionare il  traffico sulla Portuense, nel vicino tratto Fiumicino – Ponte Galeria.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli