21 novembre 2018

Leccio cade su viale della Pineta, sempre la fortuna è l’unica speranza?

Un altro albero caduto su viale della Pineta. Questa volta il cedimento non è stato provocato dal vento ma dalle pessime condizioni della pianta, un leccio malandato, senza più radici e con gran parte del tronco marcio come si vede dalle foto.
La pianta è caduta sulla strada questa mattina pochi minuti dopo le 8.00 sul viale proprio davanti alla Conad, un punto in cui passano centinaia di automobili. “Ero passato poco prima per portare i bambini a scuola, al ritorno l’ho visto cadere mentre arrivavo, pochi secondi prima e sarebbe finito sull’auto, la fortuna mi ha salvato”, racconta un genitore.
Sul posto sono intervenuti i Carabinieri e poi il supervisore dell’Area Ambiente Claudio Cinti: “È un’emergenza – commenta – tutti i giorni piante come questa cedono all’improvviso, siamo sotto assedio. Servirebbero risorse rilevanti per poter intervenire su un territorio tanto vasto”. La ditta Mattiuzzo si è offerta di tagliare gratuitamente la pianta e di rimuoverla dalla strada, spetterà poi all’Amministrazione comunale di smaltire il materiale per ora appoggiato sul marciapiede.
Anche questa volta la buona sorte ha permesso di evitare danni alle persone ma non si può certo confidare sempre nella fortuna come “strategia di prevenzione”. Serve un piano per mettere in sicurezza le alberature più a rischio, soprattutto per quanto riguarda la pineta che si trova in una situazione disastrosa. “La pineta è una vera emergenza – dichiara Paola Meloni consigliere comunale Pd – un nodo cruciale da sciogliere. Un monumento naturale di questa importanza all’interno del quale è stato creato il Parco Federico Fellini e che dovrebbe ospitare eventi e iniziative non può continuare a rimanere in queste condizioni. Dobbiamo trovare una soluzione. Chiederò al presidente della Commissione Ambiente Massimo Chierchia  di fare una commissione speciale  su questo tema magari proprio nella stessa pineta”. Gli appelli sono stati lanciati più volte, qualcuno pensa di rispondere?

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli