23 settembre 2017

Lingua dei segni, il flash mob

Lingua dei segni, il flash mob

Erano presenti anche il presidente del Consiglio comunale di Fiumicino, Michela Califano, e l’assessore all’Edilizia e Urbanistica, Ezio Di Genesio Pagliuca, al flash mob di ieri pomeriggio per il riconoscimento della lingua dei segni italiana (LIS) che si è svolto a Fregene, nella piazzetta di viale Nettuno. “Abbiamo voluto manifestare la vicinanza del Comune all’associazione Il Sentiero dorato onlus che ha organizzato l’iniziativa e a Fiumicino e Fregene si occupa dei bambini in età prescolare e scolare con serie difficoltà uditive – dichiarano Califano e Di Genesio Pagliuca – Un gesto concreto che vuole essere una mano tesa verso chi si impegna a favorire l’integrazione e ad abbattere le barriere dell’incomunicabilità”. Il flash mob nazionale si è tenuto in contemporanea con varie città italiane in concomitanza con la Giornata Mondiale dei Sordi (GMS). Il fine è quello di fare in modo che anche l’Italia, come molti Paesi già fanno in Europa, si impegni alla conoscenza e diffusione della Lingua dei Segni (LIS) e al riconoscimento delle figure professionali ad essa correlate.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli