24 settembre 2017

L’uomo che volò a Tokyo

Parleranno del libro Francesco Ascione e il figlio dell’autore, Leonardo Magini, che vive a Torrimpietra.  La presentazione verrà accompagnata dalla proiezione di foto dell’epoca. Publio Magini (1910-2002), pilota e tecnico del volo senza visibilità e della navigazione aerea, è stato uomo dai tanti interessi, amante dell’archeologia e dell’arte, innamorato del mare e delle costruzioni navali. Nell’estate del 1942 vola da Roma a Tokyo e ritorno per 25.000 chilometri, in gran parte su territorio nemico, con un trimotore italiano S.75, compiendo così un’impresa fallita da tedeschi e giapponesi. Magini vive poi un periodo intenso, nell’occhio del ciclone: a Feltre per l’ultimo incontro tra Mussolini e Hitler, a Pescara con il re il 9 settembre 1943, a Malta per il primo incontro tra Badoglio ed Eisenhower. In tre mesi convulsi, quale aiutante di volo del capo del governo, Publio Magini è “l’acuto testimone del collasso dell’intera catena di comando”. Tornata la pace e passato all’aviazione civile come consulente della Boeing, sarà più tardi il promotore dei primi accordi di collaborazione industriale con la Finmeccanica-Aeritalia. Al termine della presentazione del libro per chi vorrà completare la serata, il ristorante dell’hotel ”La Conchiglia” Lungomare di Ponente 4, Fregene, preparerà una cena-buffet al prezzo speciale, per la Biblioteca, di euro 26.00, più 2 Euro per coprire le spese che la Biblioteca sostiene per l’organizzazione. Prenotare al tel. 06/66.85.385 entro e non oltre il giorno 25/3/2010. www.bibliotecafregene.com

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli