23 novembre 2017

Lupo, hurrà a Londra 2012

In una fredda serata e in un’arena in cui spiccava l’abbigliamento decisamente invernale della squadra azzurra, è stata determinante la prestazione del piccolo Danielino sia in ricezione, e si poteva immaginare, che sotto rete con colpi che solo l’incoscenza dei vent’anni consente. Aggiungete la prova a muro di Nicolai, semplicemente esemplare, e vedrete che la qualificazione al turno successivo non appare più proibitiva come il giorno del sorteggio. E a papà Carlo e a nonno Giorgio, insieme al fratellone Andrea e a tutto il gruppo storico del beach fregenate, non resta che rassegnarsi a preparare le valigie per spiccare il volo verso la “perfida Albione”. (di Lorenzo D’Angelantonio).

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli