23 ottobre 2017

Maccarese, in 120 contro il Biogas

È quanto riferisce il Comitato Rifiuti Zero Fiumicino che fa notare che si tratta di “un ricorso totalmente autofinanziamento dai Cittadini”. “L’obiettivo delle 100 adesioni lanciato nell’incontro del 9 Febbraio scorso con i Medici dell’ISDE è stato raggiunto e superato in tempi rapidissimi e solo con il passa parola, segno che quando le ragioni e la determinazione sono forti il risultato è possibile – fanno notare i membri del Comitato – Ringraziamo tutti, uno ad uno, ringraziamo anche quei numerosi cittadini romani che avrebbero aderito anch’essi all’iniziativa, ma a cui abbiamo dovuto dire no per ovvi motivi. Siamo convinti che la difesa della salute e dell’ambiente non possano mai prescindere dalla partecipazione diretta di coloro che vivono e sentono questo territorio come casa propria. Stiamo lanciando un segnale forte al nuovo governo regionale, alla conferenza dei servizi, alla nostra amministrazione; queste iniziali 120 adesioni sono la testimonianza che siamo pronti a dare battaglia, ad ogni livello, contro il piano di devastazione che qualcuno vorrebbe realizzare in questo quadrante della provincia di Roma. Lo diciamo da giugno scorso e lo ribadiamo oggi con voce ancora più alta: qui il biogas non verrà costruito! Nei prossimi giorni scriveremo al neo presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti perchè finalmente ci faccia sapere quale tipo di futuro vorrebbe disegnare per Fiumicino, come intende dare sostanza agli slogan di Partecipazione e Trasparenza tanto evocati da tutti in campagna elettorale, e come intende affrontare la situazione rifiuti di nel Lazio, a Roma in particolare. Abbiamo chiesto più volte all’Amministrazione se anch’essa proporrà un ricorso al TAR qualora sia necessario, ma non abbiamo udito alcuna risposta, diretta od indiretta. Abbiamo lungamente e dettagliatamente spiegato le ragioni della nostra opposizione, le abbiamo supportate con dichiarazioni di esperti e medici, abbiamo documentato quale è la posta in gioco, a livello ambientale, paesaggistico, sanitario, abbiamo apprezzato la chiarezza del parere negativo all’impianto formalizzata dal Ministero dei Beni Culturali, abbiamo letto, anche un po’ stupiti ed increduli, che anche gli uffici tecnici della Regione Lazio, paventano un rischio di ulteriore inquinamento dell’aria fuori dai limiti della legge, raramente succede. Abbiamo atteso il lungo periodo di avvicinamento al voto, i silenzi e le mezze parole, le dichiarazioni contrastanti da parte di questo e quel politico, le promesse di tanti; ora i giochi sono fatti e considerata la ormai prossima chiusura di Malagrotta, le scelte del ministro Clini (ex ministro oramai), l’inefficienza di AMA, confidiamo arrivi alle nostre pressanti richieste la risposta che aspettiamo ormai da mesi. Nel frattempo lavoreremo per aumentare le adesioni. Noi non ci spaventiamo, non ci arrendiamo, ma soprattutto non ci fermiamo, con o senza la politica. NO al Mega impianto a Biogas a Maccarese”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli