24 settembre 2017

Onestà senza frontiere

Caro direttore, volevo metterti al corrente di una cosa incredibilmente piacevole che mi è successa ieri a Fregene. In mattinata mi trovavo presso il Bar Cattani “da Marco” a prendere un caffè accomodandomi ai tavoli esterni. In un altro tavolo, non vicinissimo al mio, sedevano 5 ragazzi romeni che stavano consumando anche loro delle bevande. Lasciando il mio tavolo, mi dimentico di prendere la borsa contenente dal portafoglio, a varie carte di credito, libretto d’assegni, macchina fotografica, occhiali etc. Rientrando in casa mi accorgevo dell’ accaduto soltanto alle 18.00 del pomeriggio, in quanto dovendo uscire di nuovo, cercavo la borsa. Pensando ai miei spostamenti precedenti mi viene in mente di tornare da Marco Cattani a chiedere se la mia borsa fosse rimasta da lui e se ci fosse rimasta traccia. La borsa era da lui, consegnata da questi ragazzi romeni e dentro c’era ancora tutto quello che vi avevo lasciato. Ci tenevo a raccontarti di questa cosa semplicemente perché nel momento di paura in cui viviamo ci sono ancora persone oneste. Ringrazio tantissimo questi ragazzi romeni.

Luisa  M. (dal Qui Fregene – giugno 2010)

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli