22 ottobre 2017

Psilla lerp, situazione drammatica

A riferirlo è Giuseppe Bellosi, portavoce del Comitato Regionale ApicoltoriSardi, dell’O.P.Terra Antiga Organizzazione Produttori del Settore Apistico Sardo, dell’ APAPO Associazione Apicoltori Oristano, del Comitato Promotore Sarrabus. “Sopratutto è lo stato delle piante che ci preoccupa – fa notare Bellosi –  in molti areali già attaccati lo scorso anno le piante sono completamente defogliate. È noto da documentazione scientifica che l’ Eucaliptus riesce a sopportare 2 o 3 defogliazioni al massimo poi segue la morte della pianta. L’apicoltura Sarda vede più che dimezzata la sua capacità produttiva ed è il collasso. Il grave problema sta interessando anche il Lazio, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia regioni che vi consigliamo di allertare. Nonostante l’azione esercitata dalle associazioni apicoltori e agricoltori Sardi sin dal Novembre scorso a tutti i livelli delle istituzioni, il potere politico non ha dato la risposta che ci si attendeva omettendo di approvare, ovvero stralciando per mancanza di tempo (scadenze della comunità Europea e relative sanzioni) martedì 26 luglio alla Camera, l’art. 31 della Legge Comunitaria 2010 che avrebbe permesso l’importazione del necessario antagonista per la lotta biologica a questa e ad alte parassitosi (punteruolo rosso della palma, tuta del pomodoro, processionaria del pino e varie altre). Siamo di fronte ad una situazione inconcepibile dove la politica si occupa di tutto tranne che del reale demolendo economie che esistono da tantissimo tempo”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli