22 ottobre 2017

Regione Lazio, 5mila terreni da valorizzare con Banca della terra

terreno agricolo

La Regione Lazio ha approvato l’elenco dei beni agricoli che rientrano nella Banca della terra. Si tratta di 5mila terreni agricoli o a vocazione agricola che rientrano nella disponibilità della Regione Lazio, non utilizzati per altre finalità istituzionali, e che possono essere valorizzati attraverso lo strumento della Banca delle terre agricole.  È questa un’occasione importante per la valorizzazione, la promozione e il sostegno del territorio rurale e per la creazione di nuove opportunità imprenditoriali, soprattutto giovanili, in agricoltura. Grazie alla convenzione con Ismea, l’ente economico del Ministero dell’Agricoltura, sarà possibile proprio incrementare l’efficienza delle imprese agricole e favorire l’attivazione della multifunzionalità delle imprese stesse. Nel comune di Fiumicino figurano terreni a Palidoro, Castel di Guido e a Isola Sacra.
“Anche la Regione Lazio −  dice Alessandra Sartore, Assessore al Bilancio, Demanio e Patrimonio − si è dotata della Banca dei terreni agricoli. Un’opportunità per chi cerca terreni da poter coltivare di accedere facilmente al database e di avanzare una proposta d’acquisto o di affitto a seguito dell’avviso pubblicato dalla Regione; ai conduttori dei fondi rustici di prorogare i propri contratti e ai giovani, questa è una grande novità, di presentare una domanda per l’avvio di un’impresa agricola. Il 55% dei terreni non oggetto di rinnovo dei contratti è infatti destinato alla locazione di giovani tra i 18 e i 40 anni di età con la possibilità di agevolazioni tramite Ismea. È stato un lavoro lungo, ma oggi possiamo dire che esiste la Banca della terra con 8.000 ettari di terreni dislocati su tutto il territorio regionale e in particolare nell’Agro Romano”.

L’elenco completo della Banca della terra è consultabile al link: http://www.regione.lazio.it/binary/rl_personale_demanio/tbl_news/Banca_della_terra.pdf

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli