19 settembre 2017

Roberto Tasciotti candidato sindaco?

In poche ore già centinaia le adesioni ricevute nei vari Istituti scolastici. Per il momento il Dirigente scolastico non scioglie la riserva: “Mi inorgoglisce questa richiesta da parte del mondo della cultura e della scuola, farò sapere presto a tutti la mia decisione”.

Pubblichiamo per intero la lettera arrivata in redazione:

La scuola come risorsa

“Abbiamo sempre pensato che la grandezza di un Paese fosse direttamente proporzionale al livello di felicità del suo popolo. Il compito alto della politica è proprio quello di operare scelte che perseguano la strada che conduce l’individuo alla felicità, ne consegue che la prima e imprescindibile aspirazione del politico deve essere rivolta verso il benessere comune, d’altronde l’appellativo onorevole ha senso solo in quest’ottica. Sembrano ovvietà, eppure da troppi anni il popolo italiano, sia a livello nazionale, sia a livello locale, ha dovuto assistere al lento, ma inesorabile, degrado morale di troppi politici che hanno calpestato i valori basilari dell’esistenza, in nome del profitto personale.

A poco a poco il veleno dell’individualismo si è diffuso, il privilegio è divenuto diritto, e parole come onestà e solidarietà suonano vuote e insensate, private del loro portato morale, soppiantato dall’egoismo dei furbi.

Ecco, oggi sono proprio i furbi a tenere il banco, e gli intelligenti?

Hanno lasciato fare, hanno abbassato la guardia, hanno pensato che aver dato all’Italia prima un Paese unito e poi una democrazia bastasse per garantirci tutti.

Occorre invece, ancora una volta risorgere, risorgere dalla melma dell’indifferenza, del qualunquismo, del sono tutti uguali. Non c’è nulla di più falso, siamo tutti diversi ed è per questo che occorre credere nella possibilità che l’uomo ha di riscattarsi. È indubbio che credere in qualcuno, nella società odierna, non sia facile, siamo scettici, sospettosi, abbiamo paura di essere traditi, raggirati.

Il nostro pensiero va allora al mondo della Scuola, visto come risorsa da cui attingere persone portatrici di cultura e valori, persone oneste che servono lo Stato per un compenso appena dignitoso, sicuramente inadeguato alla loro professionalità e formazione. Persone che amano trasfondere la conoscenza ai giovani e che dai giovani imparano a conoscere le trasformazioni continue della società. Persone competenti nella progettazione, avvezze a perseguire obiettivi.

È a politici così che vorremmo affidare la nostra città, ora che è prossimo il momento dell’elezione del nuovo Sindaco. Il nostro pensiero va allora al Professor Roberto Tasciotti, Dirigente scolastico dell’Istituto Paolo Baffi e dell’Istituto comprensivo di Maccarese e che da anni, si può dire da sempre, opera nel territorio, raccogliendo la stima e l’affetto di tutti coloro che hanno avuto l’occasione di conoscerlo. Con questa lettera, i firmatari chiedono la Sua disponibilità a candidarsi per le elezioni amministrative, consci di chiedergli un sacrificio e un impegno di grande responsabilità, ma consapevoli anche che il mondo dei giovani potrà, attraverso il suo coinvolgimento, trovare quel riscatto sociale che merita e che rigenererà con nuova linfa la nostra città.

Certi di trovare in Lei un paladino dell’onestà e dei diritti dei più poveri, vorremmo affidarle le sorti di Fiumicino per i prossimi cinque anni, vorremmo che Lei usasse tutte le competenze di cui è portatore per elevare il livello della qualità della vita dei cittadini di Fiumicino.

Ci crediamo, ci creda anche Lei!”.

I RAPPRESENTANTI DEL MONDO DELLA SCUOLA

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli