24 settembre 2017

Sel risponde a Cutolo

“Non ci dispiace che l’Italia dei Valori appoggi un candidato del centro-sinistra alle primarie ma ci sembrano alquanto paradossali e fuori luogo le condizioni apparse in quell’articolo ed in particolare la scelta del capogruppo dell’ IDV di appoggiare il candidato del PD alle primarie ed eventualmente correre da solo in caso di vittoria di uno degli altri candidati – continuano Quadrini e Petrillo –  Queste dichiarazioni ci preoccupano molto e vanno totalmente in senso contrario al clima distensivo e collaborativo creato tra le forze del centro-sinistra sin dalle prime consultazioni per l’organizzazione delle primarie. Le primarie non sono un concorso di bellezza o una gara podistica ma rappresentano sia il mezzo utile al popolo del centro Sinistra per scegliere il candidato sindaco sia lo strumento di fedeltà tra diverse forze del centro sinistra che si mettono in gioco con diversi programmi e personalità ma accettano una carta  d’intenti che stabilisce determinate condizioni programmatiche e la disponibilità a sostenere il candidato vincente. Vorremmo ricordare al Capogruppo dell’IDV che gli elettori che si recheranno a votare domenica 20 gennaio, come fatto per le primarie nazionali, firmeranno un impegno a sostenere la coalizione di  centro-sinistra indipendentemente dal risultato delle primarie stesse. È assurdo che il capogruppo dell’IDV domenica firmi questo impegno, che potrebbe non sostenere, viste le sue dichiarazioni. Sarebbe eticamente e intellettualmente  scorretto un atteggiamento di questo tipo. Ricordiamo che il valore dell’Etica e della coerenza intellettuale e moralità in politica è anche un Valore Fondante per L’IDV . Queste  dichiarazioni dell’IDV,  come intuibile, sono totalmente contrarie a questi principi, alimentano una politica fatta di personalismi e scelte strategiche che noi ripudiamo fortemente. Cutolo ha sempre concordato con noi che i partiti indossati come fossero magliette di squadre di calcio non fanno bene alla politica. Dimostri con scelte chiare queste convinzioni e si capaciti che è opportuno che l’IDV firmi la carta d’intenti e si dichiari fedele alla coalizione.Siamo certi che questo appello sia comune a tutta la coalizione”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli