25 settembre 2017

Sicurezza, scontro Gonnelli-Megna

“Che la situazione sia ormai sfuggita di mano è palese a tutti ma non, evidentemente, al delegato alla sicurezza Raffaele Megna che continua a far finta di nulla – fa notare il consigliere comunale di opposizione Mauro Gonnelli – Fiumicino è ormai terra di conquista. Rapine e furti sono all’ordine del giorno. I commercianti vivono nel terrore, i cittadini si barricano in casa e fanno quello che possono. E la risposta di questa amministrazione qual è? Tagliare il progetto di videosorveglianza (uno dei punti nel quale installare le videocamere era proprio piazza Grassi), tagliare l’assunzione di 35 agenti della polizia locale e la centrale operativa che avrebbero avuto il compito di dare un aiuto concreto alle sparute forze dell’ordine presenti sul territorio che svolgono, con i pochi mezzi a disposizione, un grandissimo lavoro. I rimedi per combattere questa criminalità dilagante non possono essere progetti di integrazione e associazioni di volontariato. Furti e rapine non si combattono a parole. Il sindaco Montino lo scorso 11 marzo annunciò che entro aprile si sarebbe svolto il comitato per l’ordine e la sicurezza a Fiumicino, in un consiglio comunale ad hoc, nel quale avrebbe chiesto ufficialmente un potenziamento delle forze dell’ordine sul territorio al Prefetto di Roma. Promessa non mantenuta. Domai siamo al 30 di aprile, il comitato non si è svolto, le forze dell’ordine non sono arrivate, è stata tagliata l’assunzione di nuovi agenti della polizia locale, tagliato il progetto di videosorveglianza e anzi avanzata una proposta dal presidente del Pd di Fiumicino D’Amato: far acquistare direttamente ai cittadini pali e telecamere. Montino e soci dopo aver preteso il pagamento dei tributi, aumentato le tasse del 40 per cento e ordinato ai cittadini di pulirsi strade, fossi e argini dei corsi d’acqua oggi accollano anche la sicurezza sulle spalle dei privati. Ma prima o poi faranno qualcosa o passeranno i prossimi quattro anni con le braccia conserte chiedendo alla città di arrangiarsi come può e rispondendo alle critiche sempre allo stesso modo: la colpa è del centrodestra?”

 
La replica del delegato alla sicurezza e legalità del comune di Fiumicino Raffaele Megna:

“Forse il centrodestra ha perso la memoria. Anche nei 10 anni in cui Canapini è stato sindaco si erano verificati furti e rapine. Ricordo male o Gonnelli all’epoca, da Presidente del Consiglio Comunale, già organizzava ronde? Se lo faceva è evidente che il problema era già presente e non è esploso con Montino. Secondo poi, perché questo grande attaccamento all’appalto delle telecamere, che sarebbe costato uno sproposito e, in ogni caso, così come progettato non avrebbe evitato i fenomeni di delinquenza? I volontari sono l’unica vera risposta che l’amministrazione può dare, oltre che chiedere la riunione del Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica, la cui gestione non è di competenza del Sindaco, bensì del Prefetto”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli