20 settembre 2017

Sondaggi elettorali, avanzano i grillini

Nella prima rilevazione realizzata dopo lo scandalo dei fondi Pdl, quando ancora non sono state ufficializzate tutte le candidature, in testa alle preferenze degli elettori troviamo il Pd con il 32%. Il Pdl crolla al terzo posto con il 13% surclassato perfino dal Movimento 5 Stelle che segna il 14%. Molto staccati gli altri partiti a partire dall’Udc con il 7%, l’Italia dei Valori con il 6, Sel e Città Nuove al 4%. La Destra segue al 3,5, mentre Rifondazione Comunista, Verdi Ecologisti, la Lista Pannella Bonino, il Partito Socialista e Fli segnano il 2%. L’Istituto ha poi sondato il grado di conoscenza che gli elettori hanno dei vari papabili candidati: Nicola Zingaretti è conosciuto dall’84% degli elettori; segue Giorgia Meloni con il 71% e quindi Andrea Augello con il 37%. Se si passa invece a vagliare la fiducia nei confronti dei candidati Zingaretti si piazza al 48%, Meloni al 31% mentre Augello al 29%. Ipr Marketing ha poi analizzato due possibili scenari elettorali; nel primo , quello che vede sfidarsi Zingaretti, Augello e un grillino avrebbe la meglio il candidato di centrosinistra con il 56% delle preferenze, contro il 30% di augello e il 14% che andrebbe nelle casse del Movimento 5 Stelle. Nella seconda ipotesi, quella in cui per il centrodestra si candidasse la Meloni, in testa rimarrebbe comunque Zingaretti, ma cambierebbero le percentuali: al candidato di centrosinistra andrebbe il 54%, alla Meloni il 32%, mentre il grillino rimarrebbe al 14%.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli