23 settembre 2017

Tasse, 16 giugno prima rata

Il Comune di Fiumicino ha approvato il bilancio e stabilito le aliquote, quindi le scadenze dovrebbero essere quelle previste, senza alcun rinvio a settembre.
Quali sono le prime scadenze e in quante rate si potranno pagare i tributi?
Per l’Imu e la Tasi, Tassa sui servizi indivisibili, le scadenza sono 16 giugno e 16 dicembre. Ovviamente l’Imu non è dovuta sulle prime case, a meno che non si tratti di immobili di pregio.
E per la tassa sui rifiuti, la Tari?
Si potrà pagare in un’unica soluzione, sempre il 16 giugno, oppure in quattro rate, le successive hanno come scadenza il 16 agosto, 16 ottobre e 16 dicembre.
Quando spedirete i bollettini Tari?
Mi auguro che arrivino nelle case nei primi giorni di giugno, si potranno versare anche con il modello F24 semplificato.
Per il pagamento di Imu e Tasi arriverà qualcosa alle famiglie?
Bollettini no, sarebbe impossibile, bisogna fare i calcoli per ciascun nucleo familiare. Per cercare di dare il massimo delle informazioni stiamo facendo incontri con tutti i tecnici comunali, commercialisti, consulenti, studi tecnici, ai quali insieme all’assessorato al Bilancio, spiegheremo le principali novità introdotte dalla nuova imposta unica comunale.
Per la Tari, invece, ci saranno aumenti rispetto alla precedente Tarsu?
Assolutamente no, abbiamo stabilito una tariffa di 2,56 al mq se c’è un unico componente familiare e di un massimo di 3,36 se il nucleo è formato da 6 componenti. Inoltre sono rimaste molte deduzioni e riduzioni, per esempio quella per il compostaggio e abbiamo ridotto del 50% la tariffa per chi adotta un cane o un gatto da un canile convenzionato con il Comune di Fiumicino.
Secondo i calcoli del Comitato Rifiuti Zero il salasso invece ci sarà.
Perché loro sommano la Tari, tassa sui rifiuti, con la Tasi, tassa sui servizi indivisibili, un procedimento improprio. Certo, poi c’è anche la Tasi, ma il confronto va fatto con la Tarsu. E su questo siamo riusciti a non alzare le tariffe soprattutto grazie al recupero dell’evasione. Ne abbiamo individuati già 3 mila e stiamo monitorando altri 5 mila nuclei familiari ai quali abbiamo inviato questionari e sui quali stiamo facendo verifiche, visure e incroci. Da giugno nostre squadre partiranno per controlli a tappeto del territorio, casa per casa. Come ho già detto scoveremo i furbi, “pagare tutti, per pagare meno” è veramente il nostro motto.
Anche perchè con l’introduzione della Tasi, imposta sui servizi comunali indivisibili, e il pagamento richiesto per illuminazione pubblica, pulizia e manutenzione strade e verde pubblico, protezione civile etc, il divario tra chi paga e chi no, aumenta ben oltre la raccolta dei rifiuti.
E sarebbe intollerabile. Per la Tasi abbiamo fissato le aliquote in questo modo, 1,5 per mille per abitazione principale e per aree edificabili, 1,1 per mille per altri immobili e 1 per mille per fabbricati rurali strumentali.
Non c’è il rischio che tutte queste novità provochino un ingorgo con l’avvicinarsi della data del 16 giugno?
Stiamo cercando di fare il più possibile chiarezza, oltre agli incontri con i consulenti stiamo preparando un vademecum in cui spieghiamo in modo semplici a tutti i cittadini e alle categorie come funziona la nuova Iuc. Poi continueremo a lasciare aperti nostri sportelli il sabato, a inviare i nostri collaboratori negli uffici comunali decentrati di Fregene e Palidoro. Inoltre, sul nostro sito indicheremo come fare i calcoli in modo semplice con tanto di domande e risposte su quelle che potrebbero essere le difficoltà principali.
Ormai a quasi un anno dal suo insediamento si ritiene soddisfatto del lavoro fatto?
Siamo appena all’inizio, c’è veramente tanto da fare. Stiamo controllando anche tutte le tabelle pubblicitarie e le affissioni stradali irregolari, abbiamo trovato una situazione incredibile, aeroporto compreso. Il 30 aprile abbiamo approvato il bilancio 2013 della Fiumicino Tributi che si è chiuso con un utile di 276 mila euro. Considerato che il 51% delle quote della società sono del Comune di Fiumicino, il 51% di questa somma entrerà nella casse comunali e quindi in quelle della collettività.

 

 

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli