21 settembre 2017

Treni guasti, caos alle stazioni

Se disagi si verificano quotidianamente, questi sono stati gravissimi in queste ultime due mattine. Ieri mattina  il treno 3259 proveniente da Grosseto e con fermata a Maccarese alle 8.10 ha viaggiato con 40’ di ritardo, venendo superato dal 12231 (Maccarese 8.38) con risultati di affollamento di quest’ultimo immaginabili e malori a bordo (considerato anche il fatto che, nonostante le rassicurazioni di Trenitalia, continuano a riscontrarsi diffusi malfunzionamenti nel condizionamento d’aria).Stamattina a causa dell’ennesimo guasto il 12231 è stato effettuato anziché col consueto materiale “Vivalto” con un treno di materiale tipo “Leonardo Express”  che offre meno della metà dei posti rispetto al primo ed avente 3 porte guaste. Risultato: a Maccarese, un buon centinaio di persone rimaste a terra, condizioni di viaggio al limite della sopravvivenza per chi era bordo e 31’ di ritardo in arrivo per consentire ai viaggiatori di provare a stiparsi sulle carrozze. E’ stata concessa fermata straordinaria a Maccarese (ma non a Torrimpietra) al successivo 2335 proveniente da Pisa, stipato anch’esso all’inverosimile, per il quale vale la testimonianza del conduttore che, richiesto per telefono di informazioni, ha risposto con inequivocabile spirito toscano “Qui il treno è tutto pieno, c’è gente pure sulle ‘appelliere!” Il Comitato pendolari, rilevando che la saturazione sui treni della linea è da tempo al limite, ritiene ormai inaccettabile che la riserva ai frequenti guasti dei treni Vivalto sia fornita da una composizione tipo “Leonardo Express”, la quale provoca, oltre a sovraffollamenti e ritardi, frequenti malori e svenimenti. Invita pertanto: Trenitalia a individuare materiale più consono alla riserva, ed a provvedere alla tempestiva fornitura di autoservizi integrativi per Ponte Galeria e S. Pietro nei casi di necessità; RFI ad essere più sollecita nel dare comunicazione in stazione della previsione di questo tipo di disagi e di eventuali alternative possibili; la Regione Lazio a sorvegliare perché si risolvano i problemi indicati. (Il Comitato Pendolari Maccarese- Palidoro).  

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli