21 settembre 2017

Uto Ughi in concerto per il bosco dell’Arrone

Perché da lì, dai tronchi degli alberi, nascono gli strumenti musicali e i loro suoni sublimi. E perché, spiega, è alla natura che l’arte guarda per l’ispirazione.  “Un violinista non può non essere legato ai boschi”, dice il musicista presentando il concerto organizzato dal Wwf per i 50 anni dell’associazione , tenutosi lo scorso 14 settembre,  all’Auditorium della Musica di Roma, proprio a favore degli alberi. Il ricavato dell’evento è stato infatti utilizzato per trasformare in un’Oasi Wwf il Bosco dell’Arrone, vicino a Fregene, uno degli ultimi lembi di verde sopravvissuti alla cementificazione del litorale laziale. La musica, spiega il violinista, che ama suonare all’aperto, in splendide cornici naturali, “esprime le emozioni date dal paesaggio e diventa un tutt’uno con l’ambiente circostante”.  Grazie alla campagna “Una nuova oasi per te” avviata a maggio, il bosco dell’Arrone è entrato a pieno titolo nel sistema di aree protette dal WWF in tutta Italia. I proventi del concerto renderanno possibili le azioni concrete necessarie per difenderlo dalle minacce del territorio circostante (incendi, degrado, rifiuti) e aprirlo al pubblico. Il concerto è stato promosso con l’alto patronato della Presidenza della Repubblica e il patrocinio del Senato e della Camera, dei ministeri Affari Esteri, Ambiente, Turismo, della Regione Lazio, di Roma Capitale e dell’assessorato del Campidoglio alle politiche culturali e al centro storico.  “Sono impagabili la gioia e l’orgoglio di aver potuto unire l’insostituibile arte del maestro Uto Ughi ai festeggiamenti per i 50 anni del WWF e alle attività in difesa delle foreste – afferma Fulco Pratesi, presidente onorario e fondatore del Wwf Italia- Il tutto sotto il simbolo di un violino creato con il legno degli “abeti di risonanza” di una foresta alpina gestita in modo sostenibile. Dalle foreste dipendono la salute del pianeta e dell’uomo. Ci auguriamo che nell’Anno dedicato dall’Onu alla loro salvaguardia, sempre più persone ne comprendano il valore e facciano la loro parte per aiutare a proteggerle”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli