25 settembre 2017

Viale Castellammare pedonale, petizione e adesioni

Per la seconda si è mosso il capogruppo del PDL Massimiliano Graux che ha richiesto ufficialmente all’Assessore alle Attività Produttive, ai Lavori Pubblici e alla Vigilanza Urbana di “verificare la  fattibilità a livello sperimentale per manifestazioni su strada nel viale,  con interruzione parziale di autoveicoli e motoveicoli in orario pomeridiano/serale periodo estivo”.“In relazione all’oggetto, il sottoscritto richiede dopo molteplici segnalazioni effettuate da Associazioni, Commercianti e cittadini la possibilità di poter escludere dal traffico veicolare V.le Castellammare (per un piccolo tratto) allo scopo di sperimentare un nuovo modo di aggregazione e di promozione turistica sul territorio. Auspicherei – continua Graux – che in altre località turistiche si possa fare altrettanto e quella di Fregene potrebbe essere un progetto pilota per poter promuovere lo stessa idea in altre località che soffrono l’impossibilità di poter esprimere le proprie potenzialità di aggregazione cittadina magari per la mancanza di una piazza nel tessuto stradale. L’arch. Patrizio Bitelli ha proposto pubblicamente un progetto di massima tenendo fuori dal blocco veicolare i due distributori di benzina, iniziando l’interruzione di V.le Castellammare da Via Varazze a Via Giulianova (per poi allargarne la chiusura da Via Rapallo) nei giorni di Venerdì e Sabato dalle ore 19.00 alle 24.00, chiedendo facoltativamente alle attività commerciali di poter rimanere aperte. In quei giorni saranno previsti mostre di quadri itineranti e manifestazioni su strada, anche musicali con la sicura partecipazione attiva della Pro Loco di Fregene che potrebbe eventualmente coordinare le altre Associazioni territoriali che vogliano far parte di questo progetto, il tutto senza entrare in conflitto con altre manifestazioni cittadine sicuramente complementari. Chiedo quindi – conclude il capogruppo del PDL – di prendere in esame la richiesta al fine di rendere realizzabile il più celermente possibile un progetto, voluto dalla cittadinanza, e senza nessun esborso di tipo economico da parte dell’Amministrazione”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli