23 settembre 2017

Vicenda chioschi, il centrodestra si autosospende

consiglio comunale

L’opposizione di centrodestra, a seguito degli avvisi di garanzia emessi sulla vicenda chioschi, annuncia la sua autosospensione da ogni attività amministrativa. “Anche oggi tutta Italia parla di Fiumicino – dichiarano i consiglieri Gonnelli, De Vecchis, Onorati, Picciano, Biselli, Paolini, Poggio, Merlini – e non certo per cose positive. Siamo ormai la Capitale d’Italia degli indagati. Con un sindaco sul quale pendono accuse che vanno dal peculato alla concussione, alla corruzione fino all’abuso d’ufficio. E una intera maggioranza alla quale solo ieri sono stati recapitati 16 avvisi di garanzia per una politica amministrativamente aggressiva e poco oculata. Se si aggiunge poi il completo fallimento di tutto il programma elettorale del centrosinistra il quadro diventa desolante. Noi non vogliamo essere complici di un’attività amministrativa oscura e nebulosa che più volte abbiamo denunciato. Per questo abbiamo deciso di sospendere la nostra partecipazione a qualsiasi attività consiliare e amministrativa, fino a quando il sindaco non farà chiarezza sulla sue pendenze giudiziarie e fino a quando tutta la maggioranza non renda pubblica la sua posizione in merito a queste.
È chiaro che le accuse di concussione, corruzione, peculato e abuso d’ufficio riportate da tutti i quotidiani nazionali dovessero corrispondere a verità -concludono i consifglieri – questo sindaco avrà il dovere di rassegnare le proprie dimissioni per evitare di far pesare le sue colpe sulla città”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli