19 settembre 2017

WWF: L’agonia del Ministero dell’Ambiente

nel 2009 venivano destinati a questo dicastero 1,2 miliardi di euro, mentre nel 2011 la disponibilità sarà di circa 514 milioni di euro. È il WWF che denuncia questa situazione di progressiva estinzione delle politiche ambientali del IV Governo Berlusconi in un argomentato dossier, rilevando, tra l’altro, che nel 2011 al Ministero dell’ambiente, che è di gran lunga all’ultimi posto dei dicasteri con portafoglio verrà assegnata una cifra equivalente al costo di una Fregata Multimissione FREM (500 mln). Il WWF fa notare che anche i dicasteri che intervengono su terreni analoghi a quello del Ministero dell’Ambiente quali Ministero per i beni e le attività culturali e quello delle Politiche agricole subiranno nel triennio 2011-2013 riduzioni di spesa (stabilite dai decreti governativi), che si aggirano però attorno, rispettivamente al 20 e 30%, mantenendo comunque una disponibilità nel 2011  rispettivamente di 1,4 miliardi di euro e di 1,5 miliardi di euro. “La situazione economico-finanziaria del Ministero dell’Ambiente è unica e drammatica. Le cose sono talmente gravi da mettere in discussione il ruolo stesso di questo dicastero, la possibilità materiale d’incidere nelle politiche, di contare nei contesti internazionale,  di guidare ed indirizzare le azioni settoriali d’interesse nazionale anche in ambiti delicati che riguardano la vita delle persone come quelli della difesa suolo e dell’assetto idrogeologico. Occorre al più presto equilibrare la ripartizione dei tagli su tutti i Ministeri in modo che la manovra sia più equa e non vessatoria rispetto al Ministero dell’Ambiente.” commenta il Presidente del WWF, Stefano Leoni. Nel dossier del WWF si denuncia che proprio con riguardo agli interventi di prevenzione del dissesto idrogeologico mentre nel 2010 c’erano risorse per 175 milioni di euro (per interventi sul rischio idrogeologico e per gli interventi strategici di mitigazione) nel 2011 i fondi destinati a questo scopo, in presenza di un’emergenza che non è mai finita a partire dal disastro di Messina del 2009 per finire con la richiesta di stato di emergenza da parte di 5 Regioni, ammontano a 32,7 milioni di euro con un taglio dell’81%. Il WWF nel suo dossier denuncia, inoltre, che anche in campi di intervento chiave per la stessa economia del Paese il Governo in carica non propone alcuna misura innovativa rischiando concretamente di perdere il treno dell’economia pulita. Infatti: 1. al momento si attende di capire se verrà riconfermata la detrazione fiscale del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici e ci sono solo nel Bilancio 2011  del Ministero dell’Ambiente 30 milioni di euro per interventi per il risparmio energetico, mentre sono scomparsi 50 milioni di stanziamenti per l’efficienza energetica e per gli incentivi finalizzati al risparmio energetico (tutte misure introdotte con la Legge Finanziaria 2007); 2. al momento non c’è un euro sul Fondo rotativo per Kyoto, istituto nel 2007 con una dotazione di 200 mln di euro e a questo titolo ci sono solo 31,7 mln di euro nel 2011 nel Bilancio del Ministero dell’ambiente per l’attuazione della Convenzione sui cambiamenti climatici. Sottovalutata anche la tutela del nostro patrimonio naturalistico. Infatti se da una parte il WWF  riconosce al Ministero dell’ambiente di essere riuscito a contenere i danni dei tagli ai parchi nazionali del 50% previsti dal Ministro Tremonti, la riduzione in un anno di circa 26 milioni di euro (dai 62 mln circa del 2010 ai 36 mln circa del 2011: -42%) avrà comunque conseguenze sulla capacità di intervento delle aree protette. E a questo bisogna aggiungere il taglio del 60% (da 89 mln circa a 40 mln) della disponibilità di spesa destinata a “la tutela e conservazione della fauna, salvaguardia della biodiversità e dell’ecosistema marino”. Il WWF si augura che il pressing della Prestigiacomo per le aree protette su Tremonti abbia successo e si trovino almeno quei pochi milioni per fare politiche attive di tutela e valorizzazione della biodiversità a conclusione del 2010 Anno internazionale della biodiversità. 

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli