23 settembre 2017

Il Pd chiede erogatori di acqua microfiltrata

Dopo l’ok alla riduzione del 20 per cento sulla Tarsu, la tassa sui rifiuti, per chi produce compost, i consiglieri comunali del Pd Alessandra Vona, Michela Califano e Silvano Zorzi hanno presentato il 23 dicembre scorso una proposta per l’installazione di erogatori di acqua potabile microfiltrata a servizio dei cittadini su tutto il territorio comunale, dando la priorità alle 4 zone più densamente popolate, per estendere poi il servizio all’intero comune.
Come? “Protocollando – sottolineano – un documento che impegni fin da subito l’amministrazione comunale ad avviare una campagna, denominata ‘l’acqua del sindaco’, per l’istallazione di erogatori di acqua microfiltrata, controllata e garantita. Le risorse? Inserendo nel bilancio di previsione 2012 una quota per il raggiungimento di quest’obiettivo e per la copertura del servizio nell’intero territorio comunale per il 2013. E in maniera sinergica coinvolgendo gli operatori economici presenti sul territorio”.
Prima firmataria della mozione il consigliere comunale Alessandra Vona: “Si tratta – spiega – di una proposta dall’alto valore sociale, con un significato chiaro. Il ciclo dei rifiuti è ormai un tema caldissimo che un’amministrazione responsabile ha l’obbligo di affrontare incentivando i comportamenti virtuosi dei cittadini. Con questa campagna il Pd vuole mettere a disposizione della città un punto di erogazione di acqua potabile di qualità. Cosa significa? Acqua di qualità, riciclo di bottiglie di plastica e soprattutto di vetro, ciclo dei rifiuti virtuoso, meno inquinamento e meno raccolta indifferenziata eliminando l’acquisto di bottiglie di acqua minerale in plastica”.
“Da un lato – afferma il Silvano Zorzi – c’è l’atteggiamento del centrodestra che vede nei rifiuti un business e spinge per soluzioni vecchie e inquinanti, come discariche e inceneritori. Dall’altra c’è il Partito democratico che da tempo, in maniera concreta e costruttiva, punta su progetti sostenibili ed economici per le casse comunali e per quelle dei cittadini. Progetti già ampiamente sperimentati in tantissime realtà italiane che hanno un unico obiettivo: la riduzione dei rifiuti alla fonte e un coinvolgimento dei cittadini chiamati in prima persona a salvaguardare il futuro del pianeta e dei nostri figli. La riduzione del 20 per cento della tassa sulla raccolta dei rifiuti per chi produce compost è una di queste. E la campagna ‘l’acqua del sindaco’ segue questo filone. Per il 2012 abbiamo in cantiere altre iniziative che speriamo siano recepite dall’amministrazione”.
“Crediamo – conclude il capogruppo Michela Califano – sia necessario coinvolgere anche gli operatori economici del territorio per lanciare una proposta che permetterà inoltre di ridurre considerevolmente gli attuali costi dell’acquisto di acqua minerale, e partecipare attivamente alla campagna di riduzione di CO2: meno 0.12 grammi per ogni bottiglia smaltita. Questo è un altro passo con il quale i consiglieri del Partito democratico intendono dimostrare che se veramente l’obiettivo è risolvere i problemi dei cittadini, si possono fare molte cose senza pesare sulle casse comunali, ormai svuotate dalla cattiva amministrazione del bene comune”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli