17 novembre 2018

No mozione aree cani. Severini: modi da Prima Repubblica

“E’ incredibile sentire appelli alla collaborazione istituzionale e poi constatare, anche su argomenti da tutti condivisi, l’ostracismo di una maggioranza che non vuole in alcun modo dare spazio all’opposizione. Altro che interesse per la collettività, qui siamo al peggior modus operandi della Prima Repubblica. Avevo presentato una mozione per l’individuazione di aree cani su tutto il territorio e l’installazione di dog toilet per favorire il decoro urbano. La maggioranza ha votato compatta per il no, pur dicendo di apprezzare il contenuto della mozione. Perché? La risposta è che anni fa è stata fatta una sperimentazione e che dunque l’argomento è già all’attenzione del Comune, che i dog toilet sono stati sistemati a Parco Leonardo e un’area cani è disponibile a Villa Guglielmi. E allora? Perché fermarsi? A maggior ragione sarebbe stato il caso di sposare l’iniziativa dell’opposizione e insieme fare qualcosa di buono per tutto il territorio. Evidentemente per Montino & Co. fare le cose “insieme” significa che loro propongono a gli altri dicono di sì, ma suggerimenti e proposte della minoranza non hanno diritto di parola. O se la intestano loro, o qualunque proposta della minoranza sbatte contro un muro. Bel modo di collaborare per il bene comune. La sperimentazione dunque – come sempre accade in Italia – si è trasformata in atto definitivo. Con il paradosso comico che, secondo la maggioranza, chi ha un cane ad Aranova, stante le strutture attualmente disponibili, deve portare il proprio animale a Villa Guglielmi e, una volta raccolte le feci, spingersi fino a Parco Leonardo per gettarle. Detta così fa sorridere, il comportamento della maggioranza fa piangere. Ne prendiamo atto, e per il futuro sapremo come regolarci”.

Roberto Severini, capogruppo Lista Crescere Insieme – Fiumicino

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli