21 settembre 2017

Pasqua, vacanze low-cost ovunque

La crisi economica in atto influisce sulla scelta di chi decide di trascorrere la Pasqua all’estero. Termometro della situazione, alcune società che al Leonardo da Vinci forniscono servizi turistici e assistenza ai maggiori tour operator. “Il Last minute la fa un po’ da padrone – viene riferito – Molti aspettano infatti il ‘sotto data’ della partenza per prenotare, per cercare così di andare incontro ad offerte più vantaggiose o sconti”. Le indicazioni danno comunque in ripresa i viaggi verso l’Egitto e il Mar Rosso, dopo il calo registrato nei mesi scorsi. Per quanto riguarda il lungo raggio, si confermano Cancun e L’Havana. Un po’ in ribasso Santo Domingo. Bene, invece, il Nord America ma anche Brasile, Argentina e Venezuela, come confermato dai dati previsionali di Alitalia che in occasione delle vacanze pasquali prevede di trasportare oltre mezzo milione di passeggeri in più con i collegamenti sul lungo raggio prossimi al “tutto esaurito”. Reggono ovviamente, anche perché meglio si adattano al ‘mordi e fuggi’, le città d’arte e le capitali in Europa: da Praga a Madrid, Parigi e Londra. Apprezzata, soprattutto per considerazioni di risparmio, la Grecia, “anche se solitamente – viene sottolineato – ha il suo picco di attrazione nel cuore dell’estate”. In Italia, invece, sono i collegamenti con il sud della penisola e con le isole a far registrare il maggior numero di richieste. Spiccano inoltre i viaggi religiosi per i luoghi della fede e santuari: è il caso di Israele, Portogallo, Spagna, e a Medjugorje, in Bosnia Erzegovina. Rilevante è inoltre il flusso di turisti stranieri in arrivo, che continuano a porre il Bel Paese quale meta privilegiata: è il caso, in particolare, dei turisti americani che beneficiano del riequilibrio del tasso di cambio dollaro/euro. Italia gettonata anche da parte di viaggiatori provenienti da Cina, Brasile e Giappone.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli