17 ottobre 2017

Viale della Pineta, vicenda emblematica

v.pineta10ago2lgt v.pineta11agolgt

Sull’incredibile vicenda siamo tornati più volte nei mesi scorsi, tentando di usare anche le armi dell’ironia perché sopraffatti dallo stupore per la superficialità e il disinteresse, al limite del disprezzo, dimostrato verso le più elementari regole di sicurezza stradale. Ma oggi non abbiamo voglia di scherzare, qui c’è poco da ridere e nemmeno da gioire per quanto è successo ieri. Lasciamo parlare i fatti: dalla prima segnalazione sui rischi per chi transitava su viale Castellammare, ne abbiamo parlato il 4 maggio. Del tombino sul marciapiede il 24 dello stesso mese. Fate voi i conti su quanto tempo è dovuto trascorrere prima dell’intervento: non ci resta che piangere. Qualche inguaribile ottimista potrebbe replicare dicendo che, in fondo, tutto è bene ciò che finisce bene, ma anche lui dovrà ricredersi. È di metà luglio, infatti, la segnalazione di profondo e stretto avvallamento che si è formato vicino ad un tombino della rete fognaria sempre su viale della Pineta, molto rischioso per un mezzo a due ruote. E quello così è rimasto, nonostante che, come in altre occasioni simili, i lavori di riparazione siano consistiti in una semplice gettata di asfalto. Ma se i tempi sono quelli dell’intervento di ieri serviranno ancora mesi. Chi vuole faccia i conti, noi abbiamo perso la voglia.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli