22 ottobre 2017

Aeroporto 2, FuoriPista: “non ci fermiamo”

 Il 21/12/2012 è stato approvato, su proposta del Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Corrado Passera, e del Ministro dell’Economia, Vittorio Grilli, il DPCM di approvazione dell’Atto unico costituito dalla Convenzione per la gestione totale fino al 2044 e del Contratto di programma in deroga per il sistema aeroportuale di Roma Capitale. Nel peggiore stile italiano, un governo dimissionario approva un accordo che impegna lo stato ed i cittadini per i prossimi anni con e che prevede:

  • incremento delle tasse aeroportuali, cioè prelievi dalle tasche dei cittadini
  • aumento dei danni alla salute ed all’ambiente, già oggi prodotti dall’aeroporto
  • distruzione di 1200 Ha di agro romano con espropri di case ed aziende
  • affari e speculazioni per i soliti “prenditori” italiani

Tale scelta, compiuta da un Governo appiattito sulle posizioni di potenti e speculatori, nella più completa indifferenza dei cittadini/sudditi, non potrà che rendere la protesta più incisiva e puntuale.
Anche i partiti, così come le organizzazioni ambientaliste, che si sono opposti al raddoppio dell’aeroporto, sono stati totalmente ignorati dal Governo, dal suo massimo responsabile nonché dai ministri preposti.
Il Comitato FuoriPISTA ed i suoi sostenitori, pur in mancanza delle disponibilità economiche per erogare donazioni ad università o ad altre istituzioni (cfr http://www.agi.it/research-e-sviluppo/notizie/201212211411-eco-rt10140-universita_autostrade_con_bocconi_per_laboratorio_infrastrutture ), continuerà a promuovere iniziative a livello locale per accrescere l’attenzione sul problema del raddoppio.
Ritenendo fondamentale il ruolo che saranno chiamati a svolgere sia il Comune che la Regione, attendiamo di prendere visione del documento finale approvato dal Governo per una valutazione di merito utile alla definizione delle successive iniziative”.

Pubblicità

Newsletter

Archivio Articoli